lunedì 19 ottobre 2009

CIAMBELLE AL MOSTO

Col profumo di mosto e delle ciambelle sparsi per l’intera cucina e rimasti fino a tarda sera sono tornata indietro nel tempo esattamente alla mia infanzia. A quando io e mia madre tutte allegre e contente, una volta tornate a casa con le buste piene di spesa, assaporavamo beatamente e comodamente le ciambelle al mosto ancora calde di forno acquistate dal nostro fornaio di fiducia. Ricordo ancora oggi la nostra ilarità del tempo. Ma la sorte volle che, con la chiusura del suddetto forno, le nostre scorpacciate terminarono e le adorate ciambelle caddero nel dimenticatoio… fino ad oggi!
La ciambella al mosto è un dolce tipico marinese e la sua storia è molto antica: si narra che quando il castello a Marino venne assediato da Cola di Rienzo, i marinesi che nel frattempo si erano riforniti di ogni ben di Dio e non curanti del protrarsi dell’assedio, per darne prova al tribuno cercando di farlo desistere dall’assedio, gli inviarono fuori dalle mura un muletto con due bigonce colme di ciambelle al mosto, al che “lo tribuno una dimane per tempo levao campo”… bella storiella vero?


E' venuta fuori una ciambella morbida e compatta


Ingredienti:

- 250 gr. di farina “oo”
-400 gr. di farina “0” di grano tenero (non avevo in casa tutta la “oo”)
- 50 gr. di olio extravergine d’oliva
- 1 cucchiaio di anice
- 1 cubetto di lievito di birra
- 5 cucchiai scarsi di zucchero semolato
- un pizzico di sale
- mosto d’uva ( circa 400 gr.)

Non riuscendo a reperire il mosto ho provato ad ottenerlo io in modo molto artigianale: ho lavato per bene i chicchi di circa un chilo e mezzo o forse due (non ho pesato, però credo con una certa sicurezza che la quantità sia stata quella) messi all’interno di una pentola e schiacciati. Ho trasferito il tutto sul fuoco e fatto bollire per circa 30 minuti schiumando di tanto in tanto per togliere le impurità

Giunto il termine ho filtrato e lasciato raffreddare

Credo abbia funzionato… se magari qualcuno avesse delle dritte su come procedere, le gradirei tanto saperle e anzi ringrazio in anticipo!!!

Setacciare la farina a fontana sulla spianatoia. Sciogliere il cubetto di lievito nel mosto tiepido (ho sbriciolato e sciolto in circa 200 gr. di mosto). Versare il lievito sciolto al centro e aggiungere l’olio, i cucchiai di zucchero, il rimanente mosto e l’anice. Impastare molto bene il tutto. Formare il panetto e metterlo in un posto lontano dalle correnti d’aria e al caldo coperto da un canovaccio. Lasciare lievitare per circa due ore

Quando il volume sarà raddoppiato dividere il panetto in pagnottelle più piccole da circa 200 gr. ciascuna oppure a piacere e formare le ciambelle. Mettere nello stampo antiaderente e lasciar lievitare nuovamente due ore o fino a quando il volume non sarà nuovamente raddoppiato

Infornare a forno già coldo a 170° per circa 20/25 miniti posizionando le teglie sul terzo ripiano del forno partendo dal basso.



Sono assolutamente da provare… sono delle ciambelle molto morbide e compatte e…. tremendamente “profumate”di mosto… buon inizio settimana e UN ABBRACCIO!!!

55 commenti:

  1. io questa me la segno! DEVO provarla assolutamente!
    buona settimana.

    RispondiElimina
  2. wow un capolavoro davvero!!! bravissima!

    RispondiElimina
  3. Meravigliosa! purtroppo non posso aiutarti per il mosto fatto in casa, ma dalla riuscita delle ciambelline credo che tu abbia usato il sistema giusto...ciao Luisa

    RispondiElimina
  4. sai che c'e' che il profumino e' arrivato fino a qui...ne prendo una!!!!baci e buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  5. ricetta strepitosa, il mosto mi ricorda quando ero piccola! da me c'è un premio per te!

    RispondiElimina
  6. in teoria il mosto non dovrebbe bollire sul fuoco, perché la bollitura naturale del vino è data dalla fermentazione, però ecco: mi informerò meglio, non so come si possa riuscire a far fermentare l'uva in casa! in caso ti faccio sapere! complimenti per la ricetta, dev'essere profumatissima :D

    RispondiElimina
  7. Che belle e che buone mi pare di sentire un profumino...ho appena annotato la ricetta, bravissima. un bacione Daniela.

    RispondiElimina
  8. Mi stavo chiedendo dove andare a pescare il mosto ma...la tua bellissima ed invitante ricetta è veramente completa con questa bella dritta su come fare il mosto in casa...deve essere ottimo il tutto!!
    Baci

    RispondiElimina
  9. La voglio provare...!!bravissima

    RispondiElimina
  10. fantastiche questa ciambelle!

    RispondiElimina
  11. ma sono favolose e te le copio subito perchè mi hai messo una voglia pazza!!! un bacione!!!

    RispondiElimina
  12. Ma che bontàààààà.. le ho mangiate una volta!!!! Mi salvo la ricetta assolutamente si!!! bacioni e buon inizio settimana :-))))

    RispondiElimina
  13. Marifra, carine queste ciambelline!!!!
    E sicuramente gustosissimeeeee!!!!!!!
    Una me la offri!!!!

    RispondiElimina
  14. Non so aiutarti col mosto, ma penso che il metodo che hai seguito tu sia ottimo.
    Le ciambelle sembrano profumatissime, mi piacerebbe assaggiarle!
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Che bel colore!!! Ciao cara, buona settimana!!

    RispondiElimina
  16. Che belle e che buone sono!! Dovro' farle questa settimana, ho un bel po' di mosto campagnolo in congelatore. Complimenti davvero!!

    RispondiElimina
  17. in mancanza di Mosto credo sia stata un'ottima idea la tua lavorazione, chissà che buone e profumate queste ciambelline!!!Bravissima!!

    RispondiElimina
  18. Ogni anno ricevo in regalo il mosto e la raccomandazione è di utilizzarlo subito, senza far intercorrere troppo tempo, per non correre il rischio che cominci a fermentare.
    Credo perciò che il semplice riposo del succo d'uva lo trasformi in mosto!
    Le tue ciambelle sono molto interessanti :))

    RispondiElimina
  19. profumo di tempin passati, le bisnonne al paesello facevano queste ciambelle! sei stata bravissima, anche intraprendente a "ricreare" il mosto,manteniamo le nostre tradizioni, ancora brava.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  20. che buone queste ciambelline complimenti!scusami cara se in questi giorni non sono passata per chiederti come va..ultimamente accendo poco il pc..spero che le cose vadano meglio..un abbraccio forte e baci!buon inizio settimana anche a te!

    RispondiElimina
  21. il racconto del ricordo di te e di tua mamma che mangiavate ciambelle è davvero tenero...e tu sei stata bravissima a riprodurre il mosto in questo modo per avere queste stupende ciambelle...un bacione

    RispondiElimina
  22. Betty: Fammi sapere poi...mi raccomando!!!Un abbraccio

    pinar: Grazie per la visita... mi fa molto piacere conoscerti!!!!!!Grazie anche per i complimenti...a presto

    Federica: Grazie Fede!!!!!!Un abbraccio

    soleluna: questo mi fa molto piacere saperlo...purtroppo dove abito è difficile trovare il mosto...proprio un peccato!Grazie per i complimenti...un abbraccio

    Scarlett: ma anche due!!!!!Grazie tesoro!!!
    un abbraccio

    i dolci di laura: GRAZIEEEE...ARRIVOOOO!!!!

    salsadisapa: Grazie davvero...io ho cercato in giro per internet...però niente di convincente....ci terrei davvero tanto a saperlo...grazie ancora!Un abbraccio

    Daniela: Grazie!!!!!UN ABBRACCIO

    Mammazan: Grazie sei un tesoro!!!!Bacioni

    Alice4161: Grazie!!!!!un abbraccio

    Mary: Grazie dei complimenti!!!Un abbraccio

    katty: Fammi sapere!!! Nelle Marche si trovano nei forni...credo...beata te!!!Un abbraccio

    Claudia: Grazie sei troppo cara!!!Un abbraccio

    stefi: Ma certo che siiii...anzi pure due!!!Un abbraccio e grazie

    Sabrina: Ti assicuro che non sono difficili da fare...forse è solo un pò lunga, ma se hai tutta la domenica mattina libera...perchè non provare?!!!!Un abbraccio e grazie

    Solidea: Grazie carissima questo è un super complimento!!!!!!!!UN ABBRACCIO e saluti ad Ale!!!!

    chabb: Quanto ne vorrei un goccio!!!...un abbraccio

    Morena: Grazie...il profumo garantisco è stato fortissimo...sembrava proprio di passare davanti ad un forno...bacioni

    lenny: ...secondo te basterebbe lasciare riposare il succo d'uva...interessante!!Grazie della dritta!!!!Un abbraccio

    rebecca: GRAZIE per il bellissimo complimento... tengo tantissimo alle tradizioni anch'io!!!Un abbraccio

    fiorix: Grazie di cuore per aver avuto un pensiero così dolce per me... avanti si deve andare...giusto?!!!!!Grazie ancora un abbraccio forte a te!!!

    RispondiElimina
  23. Lo: Grazie cara...adesso rischio di commuovermi davvero...un forte abbraccio

    RispondiElimina
  24. che buonaaa, con poco zucchero come piace a me!da provare , me la segno subitissimo!!!!

    RispondiElimina
  25. Hanno un'aria così... antica! Complimenti per il "mosto maison" :)

    RispondiElimina
  26. Buonissime queste ciambelline! mai utilizzato il mosto di uva bianca...ma l'effetto cromatico è spettacolare! ne prndiamo due in assaggio ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  27. complimenti per queste ciambelle rese golose dal mosto

    RispondiElimina
  28. Sono sempre stata in dubbio sulle ricette che prevedono l'uso del mosto perchè non so dove trovarlo... la tua soluzione mi sembra ottima: il mosto homemade!

    RispondiElimina
  29. Ciao! Grazie per la visita è un piacere fare la tua conoscenza e la ciambella di queste favolose ciambelline al mosto! Hanno un aspoetto così invitante devo essere buonissime!

    RispondiElimina
  30. Immaggino già l'odore che si è sparsa in tutta la casa, è una ricetta che veramente ti fa ricordare i tempi di una volta, brava. Baci Anna

    RispondiElimina
  31. Questa per me è proprio una novità! Non avevo mai visto e quindi non ho mai avuto la fortuna di poter assaggiare queste splendide ciambelle!. Devo assolutamente procurarmi del mosto e provare a farle ... se non trovo il mosto proverò a fare anche quello come hai fatto tu!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  32. Lisette: Grazie della visita...un abbraccio

    cielomiomarito: Questo per me è un grosso complimento...in un certo senso miravo a recuperare la tradione delle ciambelle al mosto che dalle mie parti sono ormai introvabili...grazie un abbraccio

    manu e silvia: Grazie!!!bacioni

    Carmine Volpe: Grazie per la visita...a presto

    furfecchia: Grazie...in fondo credo che abbia funzionato...un abbraccio

    Elisakitty's Kitchen: Anche per me è un piacere aver fatto la tua di conoscenza!!!!Grazie per il complimento sulle ciambelle!!!A presto!!!!

    Anna: Grazie!!!Un abbraccio

    RispondiElimina
  33. kemikonti: Davveroooo?!!!Forse si...nelle Marche si trovano facilmente...già dove abito io no...grazie della visita!!!!!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  34. Io non le ho mai mangiate ma immagino il profumino che si sente in cottura e il buon sapore che avranno!

    RispondiElimina
  35. Ottime davvero ed immagino il profumino....bravissima...ciaooo

    RispondiElimina
  36. wow immagino il profumino di queste ciambelle una vera goduria!!bacioni imma

    RispondiElimina
  37. Hanno un aspetto a dir poco delizioso, complimenti cara per la ricetta e soprattutto per l'idea del mosto casalingo! Baci Manu.

    RispondiElimina
  38. Dio che delizia! Queste le voglio provare... mi metterò alla ricerca del mosto intanto, altrimenti farò come te!

    RispondiElimina
  39. Sono passata per ringraziarti!!

    RispondiElimina
  40. Davvero che goduria! VIen voglia di morderlo subito!

    RispondiElimina
  41. Tania: Hanno in effetti un sapore molto particolare...si percepisce...il mosto!!!
    Grazie un abbraccio

    Lady Cocca: Grazie davvero tanto per il complimento!!!Bacioni

    Imma: Grazieee!!!!Un abbraccio

    Manuela: Graziee!!!Un abbraccio

    iana: Spero che almeno tu riesca a trovarlo!!!!
    Io ho provato a cercarlo ovunque nella mia zona ma senza nessun risultato!!!Grazie un abbraccio

    Solema: UN ABBRACCIO mia cara!

    Occhi di Notte: Piacere di fare la tua conosenza..grazie per la visita e per il complimento!!!A presto

    RispondiElimina
  42. Ne ho già sentito parlare molte volte, ma non ho mai avuto occasione di assaggiarle ...

    RispondiElimina
  43. Ottime diritte per il mosto,anch'io mi chiedevo sempre come reperirlo.
    Adorabili queste ciambelle,posso averne una ? :P

    RispondiElimina
  44. devono essere buonissime queste ciambelle...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  45. carissima, io adoro questi dolci rustici e saporitissimi!!! non sapevo che vivessi a marno...allora simao vicine!!! io vado spesso a Lanuvio!!!

    RispondiElimina
  46. wow che tenacia...cosa non si fa per rincorrere gli antichi sapori dell'infanzia!!! le tue ciambelle sono deliziose, e sono certa profumatissime!!! davvero complimenti, un carissimo saluto e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  47. Ciao! Ho organizzato la mia prima raccolta di ricette, mi farebbe molto piacere una tua partecipazione! Trovi il regolamento a questo indirizzo: http://nellacucinadimartina.giallozafferano.it/2009/10/raccolta-di-ricette-con-le-dita-nel-barattolo.html
    Alla fine ci saranno premi per tre ricette e la raccolta sarà pubblicata in formato pdf e disponibile gratuitamente per tutti! Se ti va ti aspetto! Un abbraccio…..Martina.

    RispondiElimina
  48. carissima ,
    infatti io volevo fare un dolce che preparava la mia mamma, ma non ho trovato il mosto così ho rinunciato, bellissimi i tuoi dolci un abbraccio baci

    ciao army

    RispondiElimina
  49. Ciao se ti puo' interessare è pronto e pubblicato il pdf della raccolta "Fior di carciofo!"
    Ti aspettooooooo Lady Cocca

    RispondiElimina
  50. Che bella scoperta il tuo blog! Lo aggiungo con piacere ai miei preferiti e spero che anche tu venga a trovarmi!!

    smack!

    RispondiElimina
  51. ~Lexibule~ : grazie!!!!Bacioni

    twostella il giardino dei ciliegi: Sono ciambelle tipiche di questo periodo, molto profumate...già,purtroppo non in tutte le zone si trovano!!!Un abbraccio

    Nanny: Una ciambella?!!!...ma certo cara...neanch'io sono riuscita a trovare il mosto...vero peccato dato che il suo periodo è breve!!!Bacioni

    unika: Ciao Annamaria...felice di sentirti!!!!Grazie per la visita...un abbraccio

    Polinnia: Grazie tesora!!!Un abbraccio

    Irene: Daccordissimo...mi piacciono le tradizioni, soprattutto quelle che mi fanno ricordare l'infanzia!!!Grazie bacioni

    Clamilla: Grazie...andrò subito a vedere!!!

    NIGHTFAIRY: Grazieeee....un abbraccio!!!

    armanda: Army...no...non rinunciare, io ho provato a farlo il mosto.A dire la verità non sono sicura se il modo per ottenerlo sia giusto...però ti assicuro che il sapore è quello!Un abbraccio

    Lady Cocca: Grazie...non vedo l'ora di guardarmelo!!!Bacioni

    Roberta: Grazie del complimento e piacere di conoscerti!!!!A presto baci

    RispondiElimina
  52. Ciao!! Anche se un po' in ritardo..intervengo anchi'io!! Dalle mie parti queste ciambelle si trovano comunemente, anche a forma di trecce, e devo dire che le ADORO!!Il mosto purtroppo è introvabile..ma ho chiesto al mio fornaio e ha detto che lui se lo fa da solo, facendo riposare per 24 ore l'uva pigiata!Uno di questi giorni le provo anch'io e ti faccio sapere.. Bacioni!!! :-)

    RispondiElimina