sabato 20 febbraio 2010

GRAZIE TAMARA

A volte capita di legarsi involontariamente a determinati oggetti, o magari a dei sapori, perché altrettanto involontariamente ci tranquillizzano o perché soprattutto hanno il potere di farci sentire, ancora una volta, vicini alle persone che amiamo con tanto affetto. A volte, però, capita di perdere questo bene prezioso, perché la vita è tanto strana e magari capita anche che con il trascorrere del tempo e degli anni il tutto sfumi e finisca per essere dimenticato. Ecco, è accaduto a me, è accaduto dodici anni fà. E’ accaduto che in un periodo non troppo facile, dove ogni cosa è stata in salita, mi legassi ad una piccola e spinosa zucca. Ebbene si, strano vero??? Una piccola zucca spinosa. Venivano coltivate da mia nonna nell’orto dietro casa. Non ho mai saputo come le avesse avute e non ho mai conosciuto il loro nome… ma il loro sapore si! Un sapore dolce… un sapore così tanto buono e rassicurante carico di ricordi. Poi purtroppo mia nonna non le ha coltivate più… vani sono stati i tentativi di ritrovarle… e, come inevitabilmente accade, il tempo ha affievolito la speranza di rivederle almeno per un’ultima volta. A volte, però, capita anche che per una strana coincidenza quel bene così tanto prezioso ricompaia magicamente nella propria vita… si, ricompaia e non da solo, ma in compagnia di tante emozioni ormai sopite. Ringrazio di cuore Tamara perché è grazie a lei se le ho riviste, ho appreso il loro nome (zucche Chayote) e le ho ritrovate. L’ho conosciuta casualmente tramite un suo commento, ed è stato visitando il suo splendido blog che ho visto una foto delle mie tanto care zucche spinose (... confesso di aver subito salvato l’immagine!!!). Ma lei ha fatto di più… me la ha inviate in una graziosa scatola gialla. Non mi stancherò mai di esserle grata per il suo meraviglioso ed ammirevole gesto. Credo di non aver trovato un’amica, ma un angelo e dico questo, senza esagerare, proprio perché queste piccolissime zucche spinose hanno un significato così tanto importate nella mia vita da non poter essere spiegato semplicemente con delle parole…


GRAZIE TAMARA

Grazie Tamara

28 commenti:

  1. anche i piccoli gesti dimostrano tanto...brava a Tamara e brava tu che ci hai regalato con questo post un segno di grande amicizia..baci e buon week end

    RispondiElimina
  2. I ricordi legati poi a queste emozioni ed maicizie mi commuovono!
    brava Tamara!
    anche perchè mica le conoscevo io ste zucche spinose!
    un abbracione forte
    Terry

    RispondiElimina
  3. L'amicizia...un grande esempio per tutti noi.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre creduto che chi trova un amico trova un tesoro. E' difficile ma non impossibile. E gli amici veri ti riempiono la vita di grandi emozioni. Un bacio cara, buon week end

    RispondiElimina
  5. Grazie a te, ora vorrei o potrei dire tante cose, scrivere e descrivere tante emozioni, ma come hai detto tu, non si spiegano, non si raccontano, vengono dal cuore e dal cuore partono per raggiungere direttamente un altro cuore.
    Si tratta di emozioni forti e spiegarle non è semplice, si possono solo provare e sentire.
    Io ho dolcissimi ricordi di mia nonna scomparsa all'età di 62 anni quando io ne avevo solo 14, quindi leggendo tra le righe del tuo commento l'emozione che hai provato, ho sentito il mio cuore che mi ordinava di fare qualcosa per farti rivivere le stesse emozioni.
    Non capita spesso di poter fare qualcosa per strappare un sorriso sincero o una dolce lacrima di commozione a qualcuno, ma se ci capita l'occasione di farlo, non va sprecata.
    Un abbraccio forte e se qualcosa non dovesse andare ......nessun problema, te ne rimando ancora.
    con affetto
    tamara

    RispondiElimina
  6. Non importa che tu lo spieghi a parole,si sente l'mozione in questo tuo scritto, emozioni di tempi passati, di persone care che rimangono sempre dentro di noi.
    Grazie Marifra di averci regalato queste emozioni!!!!!!!!!!!!
    Un fortissimo abbraccio, buon WE!!!

    RispondiElimina
  7. che bel post!!! che bella l'amicizia!!brave!

    RispondiElimina
  8. Mamma che bellissime queste zucche spinose, voglio proprio vedere cosa ci tiri fuori con loro... davvero un cuore d'oro Tamara... bacio

    RispondiElimina
  9. questo è il bello dei blog si riescono a condividere emozioni....tamara è davvero una cara persona!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  10. Quand'ero piccola mamma le chiamava patate americane, non mi chiedere perchè!!!

    RispondiElimina
  11. Ci hai commosso, capiamo benissimo cosa stai provando, la gioia nel ricevere questo dono. Ci sono cose che sono difficili da spiegare, ma tu hai saputo farlo benissimo!
    Un abbraccio e buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. Così le abbiamo conosciute anche noi,sono felice che un desiderio ormai abbandonato, sia stato esaudito inaspettatamente!buon fine settimana!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. mi è venuto un tuffo al cuore...... da piccola il mio papà aveva un amico che gliele regalava e le mangiavamo impannate e fritte erano una delizia sovraumana, ma non me ne sono più ricordata fino a quando ho visto questa foto.... come è strana la vita... o mamma mia.....
    buon w.e. Ely

    RispondiElimina
  14. Che bello..davvero ammirevole il suo gesto e bellissima la tua storia..è bellissimo associare il cibo a dei ricordi così particolari!
    Bacioni

    RispondiElimina
  15. Le amicizie che nascono così per caso, possono diventare le più vere e neanche la lontananza può scalfirle. E questo post trasmette tutta la stima e l'affetto che c'è in questa vostra bellissima amicizia. Mi hai commosso :)
    Un abbraccio, elena

    PS: non avevo mai visto queste zucche spinose...se ne imparano sempre delle nuove!

    RispondiElimina
  16. Buoneee!!!
    Pensa io le faccio a filetti con l'aceto e finiscono in poco tempo!
    Brava Tamara!!
    Baci.

    RispondiElimina
  17. Quello che per altri è solo e semplicemente una zucca spinosa, per te è qualcosa di molto ma molto prezioso. Vedi?Dipende dai punti di vista...ogni oggetto ha la sua storia.Bel post cara!

    RispondiElimina
  18. I ricordi legati ad emozioni passate mi commuovono sempre. Buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  19. Le tue parole sono cariche di ricordi e emozioni e la gioia che hai avuto nel ricevere queste zucche è vibrante: un post di grandi sentimenti :))
    Tamara è di certo una persona molto sensibile!!!

    RispondiElimina
  20. Questi piccoli gesti spesso si rivelano molto preziosi, ed è bello incontrare per caso le persone nel web che all'improvviso fanno qualcosa di grandioso per te!
    IO ho visto queste zucche da un fruttivendolo, ma non sapevo assolutamente cosa fossero e come si mangiassero...
    Ce lo racconti?..
    Un bacione grande!

    RispondiElimina
  21. Ciao Marifra, anche mio padre le coltiva ancora nel nostro podere in puglia e mia madre me ne ha portate un po' l'ultima volta che é venuta a trovarmi. Lei le fa in pastella e le frigge e anch'io seguo le sue orme. Provale anche cosi' sono buonissime. Un ciao da Pagnottina

    RispondiElimina
  22. Che belli questi piccoli gesti di condivisione, scaldano il cuore!
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  23. che regalo davvero preziosissimo :))

    RispondiElimina
  24. Queste zucche sono per te come un filo magico che ti tiene legata a persone ed affetti attraverso il ricordo e rivederle, toccarle di nuovo, odorarle e assaporarle è come tornare al passato.
    Io le trovo curiose, è la prima volta che le vedo, ma con quelle spine non sono difficili da maneggiare?

    RispondiElimina
  25. Che meraviglia, sono questi i gesti che ci fanno esser felici!

    RispondiElimina
  26. si imparano sempre un sacco di cose...io non le avevo mai viste!!
    PS voglio una bugia di quelle qui sotto...posso???
    Castagna

    RispondiElimina
  27. posso ringraziare anch'io?
    Sì perchè visto che sono stata chiamata in causa e i complimenti che ho ricevuto vorrei dire
    GRAZIE
    tamara

    RispondiElimina