lunedì 27 settembre 2010

LE MIE CARE PIANTINE…

No, niente ricetta, mi sento in colpa da morire! Non scherzo mica. Mi chiedo come sia stato possibile lasciare incustodite le proprie carissime piantine per soli due giorni, tornare e… orroreee!!! trovarle tutte quante mangiate!! Si, hanno le foglie tutte quante addentate… dopo averle curate giorno dopo giorno, innaffiate amorevolmente, averle viste crescere… perderle così… in un attimo!

Comunque, almeno dopo tanta disperazione ho scoperto il reo… un bruco! Ma com’ha fatto un singolo bruco a sterminare basilico, menta e timo in solo due giorni? Mica due settimane, qua parliamo di giorni! Ma quanto mangiano i bruchi?!!

Uhm, nonostante tutto, la sentenza è stata unica e inappellabile: l’allontanamento immediato dal mio terrazzo verso una metà più consona ad un bruco.

Ah, la meta!... il campo dietro casa. (in fondo, dovrà mangiare pure lui, no?).


Bruco e foglia di basilico
UN ABBRACCIO!!!

giovedì 23 settembre 2010

TORTA DI FICHI

E dopo aver fatto la marmellata con i fichi, il dolce non potevo di certo farmelo mancare! Per questa torta ho semplicemente usato la mia base preferita, quella che scelgo ogni volta io voglia andare sul sicuro, quella che ogni volta non mi tradisce mai, quella che… insomma, la mia preferita!

lunedì 20 settembre 2010

MARMELLATA DI FICHI

Visto che non vi dispiace affatto sentirmi parlare dei frutti degli alberi sparsi un po’ ovunque nel mio giardino… stavolta i protagonisti sono loro: i fichi... degli alberi nel mio giardino dietro casa!! Anche se poi, questi qua, proprio dietro casa non lo sono… c’è da camminare per un po’ lungo un piccolo sentiero, ma niente di esageratamente lontano. In queste ultime settimane l’ho percorso parecchie volte, ben armata di cestino e tanta pazienza, visto che sono sprovvista di comoda scala sulla quale salire per raccogliere il maggior numero possibile di fichi… (e si, e a me dispiace vedere andar male la frutta e la verdura o il cibo in genere!) fino a quando, finalmente, sono riuscita a metterne da parte una quantità sufficiente per farci una marmellata. Dico finalmente perché è già difficile riportarli a casa una volta colti (ebbene si, me li mangio prima!) figuriamoci tenerli da parte per la marmellata! Comunque, con mia grande soddisfazione, ci sono riuscita. Il risultato?… semplicemente meraviglioso!

giovedì 16 settembre 2010

SCHIACCIATA E UVA FRAGOLA

Ehhh va bene!! La schiacciata ormai è una ricetta vista e rivista in giro per i vari blog… ma con dell’ottima uva fragola in giro per casa… è stata duuuraa resistere! E volete mettere questa con quella dell’anno scorso fatta con normalissima uva rossa? Uhm… niente a che vedere...

Setacciare la farina a fontana sulla spianatoia, ricordando di fare sempre da un lato la casetta del sale dove mettere il cucchiaino di sale. In una tazza, con un cucchiaio di zucchero all’interno, sbriciolare il cubetto di lievito e farlo sciogliere nell’acqua tiepida.
Versare il tutto al centro della fontana, aggiungere i cucchiai d’olio e i tre cucchiai di zucchero rimasti. Impastare per bene fino ad ottenere un composto liscio, elastico e non appiccicoso. Coprire con un canovaccio, lasciarlo in un luogo asciutto e farlo lievitare per circa un’oretta e mezza.

Dopo la lievitazione, stendere i due terzi dell'impasto in un rettangolo e foderare con questo, lasciando i bordi alti, una teglia unta d’olio.
Disporre all’interno più della metà dell’uva, cospargere con lo zucchero e il rosmarino tritato tutta la superficie.

Stendere la seconda parte dell’impasto e ricoprire l’uva, ripiegare i bordi della prima sfoglia sopra l’ultima cercando di chiudere per bene. Disporre l’uva rimasta sopra alla schiacciata, premendo leggermente la superficie, pennellare la superficie con tre cucchiai d'olio e altrettanti di acqua, spolverare la superficie con altro zucchero semolato e rosmarino. Sistemare la teglia in un luogo asciutto e lasciare di nuovo a lievitare per una mezz’oretta (anche meno).

Infornare a 180° a forno già caldo per circa 30 minuti o fino a quando la superficie non avrà assunto una colorazione dorata.

UN ABBRACCIO!!!

martedì 14 settembre 2010

DI CROSTATE E TARTELLETTE

Lo so. Fare una crostata dopo una marmellata era piuttosto prevedibile. Comunque, l’idea di partenza è stata: voler fare una di quelle belle crostate con tanta crema dentro e tanta frutta fresca sopra. Poi però… dall’ideona della crema come base della crostata, si è passati alla marmellata appena fatta. E poi ancora… dalla bella e soprattutto unica crostata, si è passati ad una crostata più piccolina e ad alcune crostatine con frutta fresca sopra… insomma, quando si dice l’indecisione!



Ingredienti:


Per la pasta frolla:

- 225 gr. di farina “00”

- 50 gr. di burro

- 70 gr. di zucchero semolato

- 1 uovo intero

- Buccia grattugiata di un limone biologico

- 1 cucchiaino scarso di lievito per dolci vanigliato

- Un pizzico di sale


Per il ripieno:

- Conserva di prugne rosse

- Prugne



Per la frolla: setacciare sulla spianatoia la farina, formare una fontana al centro e lavorare lo zucchero semolato con il burro. Unire e amalgamare l’uovo con una forchetta, aggiungere un pizzico di sale e la buccia grattugiata del limone. Impastare gli ingredienti fino a quando non saranno ben amalgamati fra loro. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e farla riposare per mezz’oretta in frigorifero. Riprendere la frolla stenderla sulla spianatoia sopra un foglio di carta da forno, ritagliare dei dischi e rivestire stampo (20 cm di diametro) e stampini da crostatina (4).


Per il ripieno: cospargere all’interno la marmellata. Impastare di nuovo la frolla avanzata, ristenderla e ritagliare con la rotella ondulata delle strisce e disporle su ciascuna crostatina, prima in un senso e poi nell’altro, in modo da formare la decorazione tipica.


Cuocere in forno già caldo a circa 170° per circa 20 minuti la crostata dello stampo grande, mentre le crostatine, circa 10 minuti. Tirare fuori le crostatine e guarnirle con delle fette di prugna fresca. Rimetterle in forno per altri dieci minuti.


UN ABBRACCIO!!!

giovedì 9 settembre 2010

MARMELLATA DI PRUGNE ROSSE

… uhm… so di aver rotto abbondantemente le scatole a tutti sulla storia della frutta proveniente dall’alberello del mio giardino vantandomene pure! Però io, con le ultimissime prugne… dell’alberello in giardino, ho fatto la marmellata (e non solo). Comunque, ho fatto la marmellata. Stavolta però ho ceduto alla tentazione di aggiungere un ingrediente extra. In pratica ho aromatizzato le prugne con un rametto di rosmarino, tra l’altro in fiore e tra l’altro sempre del mio giardino… d’accordo, d’accordo adesso la smetto con le piante del giardino!! Non sono mai stata per le aggiunte, a me piace il sentire il sapore della frutta e basta, ma il rosmarino m’ha talmente incuriosito qui e qui e, senza pesarci due volte, l’ho unito al resto degli ingredienti. Cos’altro dire… che senza dubbio ne è valsa la pena!


Ingredienti:

- 1 kg. di prugne rosse

- 500 gr. di zucchero semolato

- 1 limone bio

- 1 rametto di rosmarino (facoltativo)


Pulire le prugne eliminando però solo il nocciolo. Tagliarle a quarti e mettere il tutto nella casseruola che si utilizzerà per la cottura. Aggiungere il succo di mezzo limone, il rametto di rosmarino (facoltativo) e lo zucchero semolato. Mescolare, coprire e lasciar riposare per un’ora. Togliere il rametto di rosmarino, trasferire sul fuoco e cuocere per un’ora e mezza o fino a quando non si sarà raggiunta la consistenza desiderata, mescolando periodicamente, e spesso soprattutto in fase finale, per evitare che possa attaccarsi sul fondo della pentola. Versare dentro i vasetti sterilizzati, e al solito, chiudere per poi capovolgere. Tenere capovolto fino al giorno successivo. Per sterilizzare i vasetti e i coperchi basta farli bollire in acqua bollente per alcuni minuti.


UN ABBRACCIO!!!

lunedì 6 settembre 2010

GELATO AL DOPPIO CIOCCOLATO di Jasmine

In realtà non amo molto il cioccolato. Non sono mai stata attratta dalle tavolette di cioccolata, cioccolatini, torte o biscotti coccolatosi in genere. Giusto per comprendere meglio il soggetto… io le uova di Pasqua non le ho mai finite da sola.

Ma il cioccolato nel gelato, questa è per me l’unica eccezione e… ovviamente io adorooo il gelato al cioccolato!!

In una ipotetica classifica dei “gusti più richiesti Estate 2010”… ebbene si, finirebbe a pari merito con menta e liquirizia… mica crederete che mangio solo menta e liquirizia, vero?

Comunque, prima di riporre la gelatiera per quest’anno, non potevo non provare a farmelo da sola. Ho utilizzato la ricetta della carissima Jasmine! Grazie Jas… a casa ho conquistato praticamente tutti!


Ingredienti:

- 150 gr. di zucchero

- 200 gr. di latte intero

- 200 gr. di panna

- 80 gr. di cioccolato fondente

- 1 cucchiaio di cacao

- 1 uovo biologico

- Gocce di cioccolato (facoltativo ma consigliato vivamente)


In un pentolino, a fuoco moderato, lasciar sciogliere il cioccolato nel latte mescolando spesso per ottenere un liquido omogeneo.

Con le fruste elettriche sbattere l’uovo con lo zucchero fino a quando non diventerà bianco e spumoso, aggiungere il cucchiaio di cacao e versare il latte al cioccolato. In ultimo unire la panna montata a neve fermissima.

Versare il tutto nella gelatiera già in funzione. Il gelato sarà pronto dopo circa 35/40 minuti. Se risultasse troppo morbido basta riporlo nel freezer per un paio d’ore.

Prima di spegnere la gelatiera ho aggiunto le gocce di cioccolato… quante? Tante, le ho aggiunte molto ma mooolto ad occhio!! Questa aggiunta è facoltativa ma, proprio come Jasmine, ve la consiglio anch’io per ottenere l’effetto “Doppio Cioccolato”.


UN ABBRACCIO!!!

domenica 5 settembre 2010

DI BLOG CANDI E GIVE AWAY

Parlarvi di lei mi entusiasma moltissimo: carismatica, simpaticissima, pronta ad aiutare gli altri in ogni momento. Le voglio bene come ad una sorella, nonostante non abbia mai avuto modo di incontrarla personalmente. E’ la sua carica, la sua energia, la sua positività in grado di trasmettere ogni volta ad avermi colpito.

Imma, in occasione del suo secondo blogcompleanno “Dolci a gogo”, ha organizzato un Blog Candi per ringraziare ognuno di noi per l’affetto e l’amicizia che le dimostriamo… Auguri Imma!


Colgo l’occasione per partecipare e segnalare a tutti anche il primo give away di Federica, organizzato in occasione delle sue prime 7000 visite!


UN ABBRACCIO!!!

mercoledì 1 settembre 2010

MIGLIO ALLE VERDURE

E siamo a settembre. Non ne capisco il motivo ma, ogni anno, sento di doverlo associare alla fine dell’estate e alla ripresa di ogni attività, altro che anno nuovo! A parte questo, a me da carica, energia e una gran voglia di organizzarmi… nel frattempo vi lascio una fresca e leggera insalata di miglio, il mio cereale preferito!!


Pesare il miglio e riporlo in una casseruola versando acqua pari al doppio del miglio e portare ad ebollizione.


Preparare le verdure: pulire e lavare il sedano, eliminare i filamenti che lo percorrono in lunghezza e tagliarlo a fettine sottili; fare la stessa cosa con i ravanelli tagliandoli però a rondelle sottili; pulire l’erba cipollina lavandola velocemente ed asciugandola con un panno, quindi tagliarla finemente, infine sminuzzare le foglie fresche di basilico e di menta.


Cotto il miglio, scolarlo in un colino pressandolo in modo da privarlo completamente dall’acqua in eccesso.


A parte stemperare poco sale nel succo del limone, aggiungere due cucchiai d’olio e sbattere con una forchetta per emulsionare gli ingredienti fra loro.


Unire il miglio e le verdure precedentemente preparate e servire in tavola.

Colgo l'occasione per aderire al meraviglioso give away della dolce Tamara, organizzato per festeggiare tutti i suoi sostenitori e sostenitrici... partecipate numerosi!!!

UN ABBRACCIO!!!