venerdì 25 novembre 2011

CIAMBELLONE CON AMARANTO E NOCCIOLE

Visto che ho rotto abbondantemente le scatole a tutti già da un po’ con la storia di voler far scoppiettare l’amaranto e utilizzarlo per un dolce (ovviamente:-) da colazione, vi lascio per il fine settimana con questa cosuccia sotto :-))) Prima della serie eheh!! Cosa sia l’amaranto e come in genere venga utilizzato credo che tutti lo sappiano, perciò non mi dilungherò su questo, quello che però forse non tutti sanno e che se messo in padella, a fuoco medio, poco dopo scoppietta, eh si, scoppietta proprio come se fosse popcorn!! Far aprire tutti i chicchi non è difficile ma non è neanche semplice come potrebbe sembrare. Prima cosa occorre un po’ di pratica, nel senso che si deve capire quando è ora di togliere l’amaranto dalla fiamma prima che bruci e, seconda cosa, occorre riuscire a far scoppiettare il tutto. Bene, ho adottato una tecnica manco tanto strana, ehm forse solo un pochino ma tant’è… uso una pentola a doppio fondo non troppo grande, il giusto per contenere un cucchiaio di chicchi di amaranto. Riscaldo la pentola da vuota e quando il fondo è caldo verso l’amaranto e copro. Quando sento il rumore dei chicchi che scoppiettano, muovo la pentola, sempre sulla fiamma e sempre coperta, per circa 30 secondi o anche meno. Tolgo la pentola dalla fiamma, continuando a muoverla per altri 30 secondi circa, infine verso il tutto dentro una ciotola di ceramica coprendola con un piattino e ripeto velocemente tutta l’operazione :-) Può sembrare complicato e lungo da eseguire, ma non lo è, fidatevi! Basta solo un po’ di pratica, all’inizio capiterà di farlo bruciare un po’ ma è solo perché si devono capire i tempi per la fiamma che si usa... vi ho indicato quelli che sono serviti a me ma non è detto che siano gli stessi per tutti!
Per il dolce sotto, non contenta, ho poi mixato il risultato ottenuto con le nocciole tostate, notando una differenza rispetto alla quinoa, l’impasto ha bisogno di una maggiore parte liquida, per il resto… c’è piaciuto tanto!!

Ciambellone con amaranto e nocciole

1.Vario

Ingredienti:

- 250 gr. di farina 00
- 250 gr. di latte
- 180 gr. di zucchero
- 3 uova
- 70 gr. di olio
- 100 gr. di amaranto
- 100 gr. di nocciole
- Buccia di un limone grattugiato biologico
- 1 cucchiaino di zenzero
- 2 cucchiai di cacao amaro
- 1 bustina di lievito per dolci
- Sale un pizzico

Amaranto

2.Vario

Ciambellone con amaranto e nocciole

Scaldare una pentola a doppio fondo non troppo grande, versare un cucchiaio raso di amaranto, coprire. Non appena inizierà a scoppiettare muovere la pentola per circa 30 secondi o anche meno. Togliere dal fuoco, continuare a muovere la pentola per altri 30 secondi o meno, togliere il coperchio e versare l’amaranto in una ciotola di ceramica, coprire. Ripetere il procedimento fino ad esaurimento dell’amaranto.
Sistemare le nocciole in una teglia rivestita da carta da forno e metterle a tostare in forno per una decina di minuti, mescolandole spesso. Toglierle dal forno e strofinarle in un canovaccio pulito per eliminare le pellicine. Lasciarle raffreddare e frullarle con l’amaranto.
Lavorare le uova con lo zucchero, versare a filo l’olio, aggiungere un pizzico di sale, la buccia grattugiata del limone biologico, la farina di amaranto e nocciole e un cucchiaino di zenzero in polvere. Setacciare sul composto la farina con il lievito alternando con il latte e mescolare il tutto. Versare parte dell’impasto nella teglia imburrata e infarinata in precedenza. Nel rimanente composto, unire due cucchiai di cacao amaro in polvere, due di zucchero e latte quanto basta per ottenere una consistenza simile all’impasto già sistemato nella teglia a ciambella e versarlo a pioggia su di esso. Infornare a forno già caldo a 180° per circa 40/45 minuti o a seconda del proprio forno.

2.Vario

Ciambellone con amaranto e nocciole

UN ABBRACCIO!!!

88 commenti:

  1. se tanto è bello, tanto è buono.. me lo pappo tutto

    RispondiElimina
  2. Io invece di quest'amaranto non ne sapevo nulla, ho scoperto una cosa nuova :) ma dove lo hai trovato?
    Il dolce comunque sembra proprio di quelli che non ti fanno vedere l'ora di arrivare a colazione!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  3. Chissà che buona... e poi si presenta benissimo!

    RispondiElimina
  4. Buonissima poi ha un bel aspetto aperto solo a guardare quella fett ho le bave.

    RispondiElimina
  5. Non sapevo di questo utilizzo diverso dell'amaranto pero nel ciambellone ci sta proprio una favola...deve essere divino questo ciambellone!1baci,Imma

    RispondiElimina
  6. Geniale: questo è da provare .... spero solo che l'amaranto che ho mi basti :D

    RispondiElimina
  7. Non sapevo neanche che aspetto avesse l'amaranto! ma dove lo trovi e che sapore ha? curiosissima! ;)

    bello il ciambellone e anche le foto, così autunnali!

    RispondiElimina
  8. beh guarda questo ciambellone è una favola!!!!!!!!!!!!!!originale e molto goloso!!baci!

    RispondiElimina
  9. ESSE BOLO FICOU LINDO E DEVE SER MESMO UMA DELICIA.
    BJS

    RispondiElimina
  10. Mmmmmhhh!!! mai usato l'amaranto ma così come la quinoa mi hai fatto venir voglia di provare :-) Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. anche io non ho mai utilizzato l'amaranto..mi hai incuriosito davvero..

    RispondiElimina
  12. Un'altra foto ci stava...magari della ciambella affettata per far vedere com'è fatta dentro. si si quella sul tagliere..

    Silvien

    RispondiElimina
  13. Cavolino, sto amaranto mi intriga sempre più...mai provato!
    Ma dopo aver visto questo ciambellone...
    Meravigliose foto tesoro, un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Anch'io voglio far scoppiettare l'amaranto come i popcorn! *__* Corro giù a comprarlo!

    Sarebbe stato troppo chiedere la presenza di istruzioni per lo "scoppiettamento" sulla confezione? :P Ora dirò una cavolata... al microonde non scoppietta?

    RispondiElimina
  15. Invece dovevi spiegarlo per le ignoranti come me.. son dovuta andare su wikipedia!! Non consoco un accidenti di quest'amaranto.. ma mi hai fatto venire una tale curiosità.. sia sulla tcnica dell'apertura dei chicchi scoppiettanti sul fuoco.. che come gusto nell'impasto di sto ciambellone che solo a vederlo mi fa venire fame!!!!baci e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
  16. ha un aspetto fantastico questo ciambellone, aaccidenti! sì, che bello l'amaranto! peccato che ho problemi con le pop corn, figuriamoci a far scoppiare quello!
    davvero un ottimo dolce da colazione/merenda/cena dolce/pranzo dolce/...

    RispondiElimina
  17. Grazie carissimi!!! L'amaranto potete trovarlo senza nessun problema in qualsiasi negozio di prodotti biologici! Spero di avervi incuriosito e che proverete anche voi a farlo scoppiettare :-)

    Silvien:oddio, hai ragione... troppe foto eh?

    RispondiElimina
  18. tu sei un GENIO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! l'amaranto ce l'ho, quindi provo!!!!!!!!!!!!!!!! grandiosa

    RispondiElimina
  19. Sei sorprendente! Mi piace e te ne prendo una fetta! Nani

    RispondiElimina
  20. non lo conoscevo nemmeno io...complimenti per le foto...meravigliose...

    RispondiElimina
  21. Hai avuto un'idea geniale, è favoloso questo ciambellone.
    Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  22. Insuperabili le tue ciambelle :)

    RispondiElimina
  23. è un'opera d'arte questo ciambellone!

    RispondiElimina
  24. posso dirla francamente? che lavoraccio!!!! hai la mia massima stima :D
    ti adoro perchè usi sempre questi cereali poco usati e che a me fanno impazzire!

    RispondiElimina
  25. Considerato pianta sacra, ha origini etimologiche dal greco amarantos che significa che non appassisce. Da qui il significato attribuito dai Greci di pianta dell'amicizia, della stima reciproca ed espressione di tutti i sentimenti veri immutabili nel tempo, poiché eterni e unici. Nella mitologia greca si narra che le Dee amassero essere festeggiate con ghirlande di amaranto; quindi l'amaranto era utilizzato per ottenere protezione e benevolenza. I romani attribuivano all'amaranto il potere di tenere lontana l'invidia e la sventura. Nel periodo 1600 - 1800 veniva utilizzato come ornamento ai vestiti, perché si riteneva che donasse benessere fisico.
    Ecco, sono andata a rileggere questa cosa che avevo letto un po' di tempo fa per curiosità...bello no?....ma che sapore ha?

    RispondiElimina
  26. Ti e' venuto uno spettacolo questo dolce!

    RispondiElimina
  27. Elena: ti adoro! Grazie per avermelo scritto qui... GRAZIE!
    L'amaranto scoppiettato assomiglia a dei mini popcorn e più o meno ha il suo stesso sapore, nel dolce invece assomiglia al sapore della quinoa!

    GRAZIE!!! UN ABBRACCIO!!!

    RispondiElimina
  28. non avevo mai sentito l'amaranto ma il dolce....da acquolina!!!!

    RispondiElimina
  29. sai che io l'amaranto non lo conoscevo???ma visto il risutlato della tua ciambella vado subito a famri una cultura!!! ;)

    RispondiElimina
  30. fidati che nn tutti conoscono l'amaranto. A me moltissime persone chiedono cos'è perchè lo leggono nel nome del mio blog, molte altre danno per socntato che sia solo un colore! cmq il dolce è bellissimo e sicuramente anche buono. BAci!

    RispondiElimina
  31. Un pastel estupendo! toda un delicia!
    Saludos

    RispondiElimina
  32. Sei una vera artista, davvero. La ciambella è stupenda e le foto pure. Un saluto.

    RispondiElimina
  33. Che curiosità di assaggiare questa bellissima ciambella!!!Per far scoppiare l'amaranto più meno hai usato la mia stessa tecnica che uso io per i pop corn fatti scoppiare nella casseruola...Anche in quel caso il rischio bruciatura di quelli già scoppiati è alto per cui scuotendo il tegame me la scampo quasi sempre...Quindi direi che si può fare!!!Un bacione e buon we!

    RispondiElimina
  34. NO CONOSCEVO L'UTILIZZO DELL'AMARANTO PER FARE DOLCI DEVE ESSERE BUONO!!
    UN BACIO

    RispondiElimina
  35. sei sicura che è fattibile?? che è facile e ce la possiamo fare anche noi? va che io mi fido! se poi faccio danni, ti tocca consolarmi!

    RispondiElimina
  36. Mamma mia, che meraviglia!!
    Io adoro l'amaranto, già solo per il nome, ma non ho mai provato a scoppiettarlo...
    Complimenti per le foto, sono da edizione LuxuryBook!
    Un abbraccio,
    Katy

    RispondiElimina
  37. Non conoscevo l'amaranto ma il risultato di questo ciambellone è stupendo... come tutte le tue foto!!
    Ciao e buon week end!

    RispondiElimina
  38. Quante meraviglia coccolosa che combina come ingredienti questa Tonna davvero speciale :)
    Un abbraccione MF!

    RispondiElimina
  39. uno spettacolooooo!!!!!!!
    il ciambellone irresistibile!!! mi hai messo una vogliaaaa!!! di solito da piccolina questa era l'ora della merenda e se non era crostata erano fette di ciambellone ancora tiepido :)
    e le foto!!! meraviglioseeee!!!
    baciii

    RispondiElimina
  40. i ciambelloni mi sanno tanto di casuccia e coccole ^__^ ne prendo una fettina nè! Un grosso Smack

    RispondiElimina
  41. questa cosa dell'amarante mi ha incuriosito e come! sero di trovarlo mi voglio divertire anche io a farlo scopiettare :D sn peggio dei bambini ihihi! delizioso il ciambollone! ciao cara!

    RispondiElimina
  42. mi incuriosisce tantissimo :)
    e poi adoro i tuoi dolci da colazione. :*

    RispondiElimina
  43. C'è sempre da imparare...oggi ho scoperto un mondo grazie al tuo cimabellone...Un slauto e buon weekend
    simona

    RispondiElimina
  44. ho conosciuto l'amaranto circa una settimana fa, ma sin'ora non è entrato a casa mia; ora che però mi ha anche informata del suo scoppiettamento... sono super curiosa di provarlo.
    Il ciambellone ha un aspetto invitantissimo e dato che ho una tazza di tè vicino a me... quasi quasi... :)

    A presto
    Gialla

    RispondiElimina
  45. Ciao, ma che invitante questo ciambellone! Sublime e perfetto per un dopo cena coccoloso!
    baci baci

    RispondiElimina
  46. Originale! Non conoscevo l'uso dell'amaranto! Sicuramente da provare! Ciao

    RispondiElimina
  47. davvero una prelibatezza ma una fetta me la conservi?

    RispondiElimina
  48. Fa molto tempo che ho comprato l'amaranto e non sapevo che cosa cucinare! Certamente farò questa meravigliosa ciambella!

    RispondiElimina
  49. ciao marifr@@@ che bello ritrovarti! Sempre meavigliosi i tuoi ciambelloni, ma come fai? Un bacione!!!

    RispondiElimina
  50. E hai fatto bene a spiegare cos'e' l'amaranto perche' io (capra) non lo sapevo!! Dovro' munirmene al piu' presto. E son sicura che finira' dritto in ciambella:)

    RispondiElimina
  51. il ciambellone ha un aspetto molto goloso, ma io non lo trovo l'amaranto :)
    le foto autunnali sono molto belle!

    RispondiElimina
  52. che buono questo ciambellone! tempo fa ho acquistato dei dolci all'amaranto in un negozio di prodotti biologici, avevano un sapore particolare che mi è piaciuto, ma da ignorantona non avevo idea di cosa fosse.
    adesso sono incuriosita dai tuoi post e andrò a cercarlo

    RispondiElimina
  53. Me gusta mucho la receta de hoy, nunca he cocinado con amaranto y me ha encantado tu explicación de como prepararlo, así quedará crujiente ¿no? tengo mucha curiosidad por hacer tu receta. Y las fotos de hoy tienen unos colores preciosos!!!
    ¡Feliz fin de semana!

    RispondiElimina
  54. Complimenti,davvero un post bellissimo .Le foto splendide e il ciambellone davvero perfetto ,l'amaranto non l'ho mai assaggiato.
    Da provare.
    Un saluto e buona serata.

    RispondiElimina
  55. A caccia dell'amaranto!!!!! Un ciambellone che ti chiama..... e non si può non rispondere!!!!

    RispondiElimina
  56. Io ero rimasta un pò indrietro,non sapevo che con l'amaranto si possano fare anche i dolci!!!baci....

    RispondiElimina
  57. E io invece non vedevo l'ora di sapere dove fosse andato a finire... ecco in un posto stupendo oserei dire! Ha un aspetto davvero incantevole deve essere propio buono buono! mi ha fatto venire voglia di fare un'ottima colazione ;-)

    RispondiElimina
  58. riesco a vedere solo una foto mannaggia!!!! ma da quel po' che o visto e il tutto letto dev'essere speciale bravissima come sempre!!!! buon week ;-)))

    RispondiElimina
  59. non conosco l'amaranto se non come tonalità di colore...Se però il risultato è quello che mostrano le tue meravigliose foto, sarà bene che lo cerchi! buon we cara, un abbraccio...

    RispondiElimina
  60. Le ciambelle mi piacciono ma l'amaranto non lo conosco. Solo a guardare le tue foto, complimenti, viene voglia di provare. Grazie!
    Silvia

    RispondiElimina
  61. io adoro le tue foto! letteralemente! sono una meraviglia! l'amaranto poi... pensa che io voglio chiamare mia figlia così, amaranta! :)

    RispondiElimina
  62. Che bellezza!! E mi hanno detto che l'amaranto fa anche molto bene!
    Grazie per questa ricetta, a presto
    Bau bau!

    Mirty

    RispondiElimina
  63. dunque mi fido sì e quindi non mi rimane che mettre in pratica...sei sempre efficentissima...grazie mille e buon weekend,Marika

    RispondiElimina
  64. Un ciambellone fantastico, mi ispira tantissimo. I miei complimenti anche per le bellissime foto.

    Un bacio
    Kafcia

    RispondiElimina
  65. hai capito.. l'amaranto??!?! io non sapevo nemmeno cosa fosse! ma dove si trova? sono proprio curiosa di provarlo :) belle le foto!

    RispondiElimina
  66. fichissimo!!!Adesso vado in cucina a provare!!!Che curiosità!!! Il ciambellone dev'esser divino...chissà che profumino :)))

    RispondiElimina
  67. amaranto? ma non ho idea di cosa sia... cerco di recuperarlo, sono curiosissima!!

    RispondiElimina
  68. Se è buono quanto è bello... La foto è splendida!!!!

    RispondiElimina
  69. Che bella idea e sicuramente anche buona!

    RispondiElimina
  70. amaranto? io non l'ho mai sentito!:D mo vado ad informarmi!
    baci!!!!:D

    RispondiElimina
  71. ho scoperto da poco l'amaranto e ne sono rimasta veramente entusiasta, oggi ho postato anche io una ricetta, ma salata
    ciaooooo

    RispondiElimina
  72. Io non avevo la più pallida idea di cosa fosse l'amaranto e tanto meno sapevo che se messo in padella scoppietta ... :) Non si finisce davvero mai di imparare da te! Foto e ricetta spettacolari come al solito! Sei davvero un mito!

    RispondiElimina
  73. Una auténtica maravilla!!!! Me encanta!Besos

    RispondiElimina
  74. quel trucco di cui dici, di scoppiettare l'amaranto...gggeniale!!! ma che si possa fare anche col miglio (magari l'hai già detto e me lo son persa)! perché ho quello al momento e mi sa che ce lo metterei volentieri nel mentre che mi procuro l'amaranto. Non riesco proprio a resistere a certi dolci!

    RispondiElimina
  75. Spesso provo le tue ricette e le trovo genuine e molto più leggere rispetto alle altre.
    Anche io non sapevo dell'amaranto, ma sarà una bella novità da provare!
    Le tue foto sono sempre molto belle!

    RispondiElimina
  76. Non ho mai usato e neanche assaggiato un dolce con l'amaranto. Ma certamente questo cake ha veramente un aspetto meraviglioso. E che foto bellissime, sono veramente fantastiche!

    RispondiElimina
  77. Arianna @ Con le Mani nel Sacher17 gennaio 2012 15:23

    Ciao! Che idee meravigliose che ci sono sul tuo blog! Io sono celiaca e anche io ho un blog che si chiama "Con le Mani nel Sacher. Ho visto che hai fatto molte ricette con l'amaranto e la quinoa e credo le rifarò in versione senza glutine.
    Complimenti, davvero delle ottime idee...questo ciambellone poi sembra delizioso! vien voglia di pucciarlo immediatamente nel latte!

    Complimenti ancora,
    Arianna

    RispondiElimina
  78. ma che godurioso questo ciambellone!!! Grazie per la tua visita :) Compimenti per il tuo blog, bello e interessante! a presto:) Anna Grazia aka Yaya

    RispondiElimina
  79. È uno spettacolo!!!!! Complimenti per le foto, sono bellissime.. Profonda invidia ;)

    RispondiElimina
  80. Amaranto non so cosa sia, ma il dolce deve essere ottimo!

    RispondiElimina
  81. sicuramente un dolce originale, chissà che buono anche!!!

    RispondiElimina