venerdì 23 novembre 2012

RÖSTI DI PATATE CON PORRI E ROSMARINO

A parte il fatto che ho impiegato all'incirca una quindicina di minuti abbondanti per trovare sulla tastiera del fisso un modo per scrivere la o del rösti con i due puntini sopra, direi in ogni caso che rappresenta un'ottima idea riciclo, ad esempio di... fatemi indovinare: le patate non utilizzate del giorno prima? L'emmenthal o il gruyère della sera a cena? Un infelice porro nel frigo? Gli aghetti dell'ultimo rametto di rosmarino in cucina? (povero, l'ho trovato orfano, e quindi..:-) Ecco si, insomma, avrete di certo capito quanto sia bello e buono.
Saporito e croccante, il rösti, un tortino a base di patate grattugiate saltate in padella con sale e burro, è una preparazione tipicamente svizzera. Rispetto alla versione originale, oggi viene arricchito con l'aggiunta di altri elementi quali cipolla, pancetta o mela e, perché no, con qualunque altro ingrediente la vostra fantasia vi suggerisce. Quindi, oltre che bello e buono, è soprattutto versatile. Portate il rösti in tavola come semplice contorno, con un'insalata per una cena leggera, ne sono sicura, saprà di certo conquistarvi:-)
Avrei voluto chiedervi un paio di cosette ma, scusate, adesso devo proprio scappare è tardi, anzi tardissimo (uhhhhh da quanto non dicevo più questo!:-), un buon fine settimana a tutti!! 
 
Rösti di patate con porri e rosmarino

Ingredienti: 

-      500 gr. di patate (circa 4 della stessa dimensione)
-      1 porro
-      6o gr. di emmenthal
-      Rosmarino
-      Olio extravergine d'oliva
-      Sale e Pepe 


Cuocete le patate in acqua bollente per circa 10 minuti, dovranno essere tenere ma non completamente cotte, scolatele e lasciatele raffreddare.
Scaldate in una padella un paio di cucchiai d'olio e fate appassire il porro tagliato a rondelle sottili.
Quando le patate si saranno raffreddate, togliete loro la buccia e grattugiatele con una mandolina nei fori più grandi. Incorporate il formaggio grattugiato allo stesso modo, il porro e gli aghetti tritati di un rametto di rosmarino, regolate di sale e pepe e mescolate.
Scaldate una padella di dimensioni medie, 24 centimetri, versatevi un cucchiaio di olio, e non appena comincia a scaldarsi unite il composto di patate. Scuotete la padella in modo da formare uno strato uniforme.
Cuocete a fuoco medio fino a formare una superficie ben dorata, ci vorranno una decina di minuti. Appoggiate un piatto piano sul bordo della padella, capovolgete piatto e padella in modo che la superficie brunita del rösti si trovi rivolata verso l'alto del piatto. Versare un cucchiaio di olio nella padella e, quando l'olio inizia a scaldarsi, fatevi scivolare il rösti e cuocete fino a dorate anche il lato rimasto.
Decorate con aghetti di rosmarino e servite.
 
UN ABBRACCIO!!!



53 commenti:

  1. aggiungere il porro al rosti dovrebbe essere davvero un barbatrucco...grazie per il consiglio!
    bacio cara!

    RispondiElimina
  2. Assolutamente da provare mia cara!

    RispondiElimina
  3. Mi piace!!! Le ricette riciclo sono sempre ben accette :D e poi mi capita spesso di bollire più patate di quante me ne servino...così ogni volta devo inventarmi qualcosa per il giorno dopo...Grazie per l'idea ;)
    Buona giornata!!!!

    RispondiElimina
  4. Simples e ficou com um excelente aspecto,gostei muito.
    Bom fim de semana
    bjs

    RispondiElimina
  5. Questi ingredienti solitari, tristi e sconsolati, sono sicuramente ben felici di saltare in padella per darsi una scaldata :D! Con quella croccante crosticina è un piatto che consuista tutti, grandi e piccini. Intrigante l'aggiunta della mela. Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  6. Adoro la rosti! E questa tua padella fa venire una fame!!! ^_^

    RispondiElimina
  7. Amo il porro.. lo infilerei dappertutto!! Sai che non ho mai fatto il rosti di patate??? baci e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
  8. che profumino che viene da questa cucina...un rosti riuscito perfetto!!

    RispondiElimina
  9. Mi hai dato un'idea per stasera.. Per me e bimba.. Grazie e buona giornata!

    RispondiElimina
  10. Marianna ho giusto un porro in frigo che mi chiede disperato di cucinarlo! ricetta perfetta questa.. veloce e pure buonissima:) come sempre foto meravigliose:) un abbraccio e buon fine settimana:*

    RispondiElimina
  11. mi piace moltissimo il rosti...è evidente che ancora non sono riuscita a scoprire la tecnica per scrivere correttamente il nome di questo tortino :)
    di solito lo preparo semplicemente con le patate, con il porro deve essere ancora più buono, proverò!

    RispondiElimina
  12. anche io cucino spesso le patate gratuggiate a crudo ma non sapevo che si chiamassero rusti, in realtà questa é una ricetta straniera ed ha la sua diversità... Cmq é buonissima ed ha anche un bel aspetto!!!!

    RispondiElimina
  13. Il rosti lo adoro, soprattutto in questa versione salva avanzi, ma adesso ti prego, prima che io impazzisca, dove l'hai trovata la o con i puntini?!? :)
    Ciao, e buona giornata!

    RispondiElimina
  14. I più bei rösti mai visti!
    Complimenti davvero...
    Buona giornata!
    Laura

    RispondiElimina
  15. Un quarto d'ora? Soltanto?!?!...Io potrei passarci mezza giornata senza trovarla la O con i puntini....Sai che non l'ho mai mangiato questo rosti? Che dici, mi tocca rimediare? Un abbraccio, a presto.

    RispondiElimina
  16. Non ho mai fatto il rösti, ma con questa ricettina ci penso su!
    Un bacio

    RispondiElimina
  17. Assolutamente da provare i tuoi rosti, sono favolosi!! un abbraccio, buon we Daniela.

    RispondiElimina
  18. Sai che fino a qualche anno fa neanche sapevo cosa fosse un rosti?
    la prima volta che sono andata in svizzera ho aperto il menu in un ristorante e meta' delle voci erano rosi con qualcosa...e non avevo il coraggio di chiedere cosa fosse questo famigerato rosti perche' sembrava una cosa molto comune da quelle parti.
    me lo ricordo ancora, mi sono sentita cosi' ignorante :)

    RispondiElimina
  19. meraviglioso e..che buono!! dico sempre che devo provare a farlo ma non l'ho mai fatto! adesso che ho la tua ricettina non ho scuse! grazie!!

    RispondiElimina
  20. passare di qui è sempre una garanzia. ne approfitto anche per ringraziarti dei tuoi commenti, sempre sinceri. sono quelli che apprezzo di più! :) il rotsi la prima volta che l'ho mangiato me l'ha cucinato Comandante Amigo, in una cenetta romantica, fatto nel capanno in mezzo all'orto. All'epoca mi pareva romantica, ora che ci ripenso, me lo sembra ancora di più... un bacino e a presto! sere

    RispondiElimina
  21. vuoi che te la dico io una cosa? un trucco di quando non trovo le lettere sulla tastiera, cerco la parola sul motore di ricerca, e faccio copia/incolla :)) Che sfaticata che sono!!! Lo sia che con le patate così delle volte sono la mia cena? Ottime ottime!!

    RispondiElimina
  22. questo sì che è un rosti!!! bellissiam ricetta :)

    RispondiElimina
  23. non ho mai fatto un rosti, ma ti assicuro che mi hai fatto cambiare idea...voglio provarci anche io quanto prima, è irresistibile!

    RispondiElimina
  24. Passo sempre troppo poco spesso qui da te e me ne pento sempre amaramente, perché il tuo è davvero uno dei blog più belli in circolazione. E mi dimentico di quanto siano belle le tue foto e formidabili le tue ricette. Adesso recupero il tempo perduto. Un grande abbraccio carissima, Pat

    RispondiElimina
  25. Non preparo un rosti da....anni! Mi hai fatto venir voglia, complici le tue splendide foto...
    Ciao carissima e buon weekend
    simo

    RispondiElimina
  26. verrei sempre da te quando ricili!

    RispondiElimina
  27. Sembra impossibile che un triste porro e un avanzo di patate diventino una cosa così buona e invece....il rosti è una delizia assoluta!! :-)
    bravissima!

    RispondiElimina
  28. Che voglia di rosti mi hai messo... Brava la mia salvatrice di ingredienti soli soletti ;)

    RispondiElimina
  29. anche a me piace molto il rosti ed anche io ne faccio una versione con lo scalogno...simile quindi e molto buono!!! buon weekend!

    RispondiElimina
  30. mi piace il rosti, e poi se c'è da riciclare sono in prima fila...un abbraccio

    RispondiElimina
  31. buonisssssimo!!!lo mangio sempre in montagna ^_^
    il tuo è anche bello e non è cosa facile per un piatto come questo...
    bacione e buon fine settimana anche a te :)

    RispondiElimina
  32. buonisssssimo!!!lo mangio sempre in montagna ^_^
    il tuo è anche bello e non è cosa facile per un piatto come questo...
    bacione e buon fine settimana anche a te :)

    RispondiElimina
  33. Guarda che combinazione vincente questi ingredienti!!!! Io lo faccio con un formaggio di cui ora non ricordo il nome ma viene dal veneto ed è spaziale, però anche l'aggiunta di mele non è da scartare!!! Baci

    RispondiElimina
  34. non sapevo cosa fosse un rosti prima di leggere la tua ricetta!!! non è buono è favoloso! io lo provo!!! ciao Silva

    RispondiElimina
  35. Buono!! E pensare che io, finora, ho assaggiato solo quello dell'Ikea...questo dev'essere spaziale :) ciaoo

    RispondiElimina
  36. Vedendo questa ricetta in parecchi blog, sembra che stiate tentando di farmi preparare questo Rosti!
    Ahah, no, ma mi sembra buonissimo.
    E' impossibile resistere,
    complimenti.
    A presto,
    Incoronata.

    RispondiElimina
  37. Marianna, ma tu la sai lunga! Mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi, in questo blog ci sono delle ricette strepitose e delle foto fantastiche. Grazie per essere passata da me. A molto presto. Eleonora

    RispondiElimina
  38. Ciao Cara,
    Ho già preso appunti della ricetta.
    E' il tipo di ricetta che mi piace da impazzire.
    Semplice ma di una bontà unica.
    Grazie per la ricetta.
    Un abbraccio e buona domenica.
    Thais

    RispondiElimina
  39. mi piace molto l'aggiunta del porro che da un ottimo sapore al rostli

    RispondiElimina
  40. a casa nostra la chiamiamo ...frittata di patate,senza porro ma con formaggio e rosmarino a volte anche qualche salume ,la mia mamma la faceva sempre. complimenti per le foto sempre bellissime, ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  41. idea deliziosa e appetitosa da morireeeee buona domenicaaaa

    RispondiElimina
  42. Fatti venerdì sera assieme a bimba..un successo di semplicità e gusto!

    RispondiElimina
  43. Ahahha se farò questa ricetta la O la copio da te allora hihihi E' buonissima, la faccio praticamente uguale a te! Bacioni

    RispondiElimina
  44. Mi pare una ricetta con un abbinamento perfetto!

    RispondiElimina
  45. mi avvince...
    e nemmeno so esattamente come si pronunci il suo nome!

    RispondiElimina
  46. buonissimo lo mangiavo sempre quando andavo da piccola in vacanza in alto adige, insieme agli spatzle e ai canederli in brodo....che ricordi... :)

    RispondiElimina
  47. Che buoni i rösti! Li ho mangiati più di una volta in Svizzera. Ho provato almeno due o tre volte a farli a casa, ma niente da fare, non mi vengono bene, non c'è confronto con quelli mangiati da amici o al ristorante.

    RispondiElimina
  48. Marianna ciao!io qui sono una nuova follower ma ti assicuro che sono super felice di averti scovata!grazie x la tua ricetta...conquistero' il palato di MonAmour che ha origini teutoniche e voglio vedere se non jea fo'! :-) un saluto di buonissima giornata
    Giorgia/Mammaeco

    RispondiElimina
  49. ecco, questa è una di quelle ricette nella lista "da fare"! il tuo rosti è super appetitoso

    RispondiElimina
  50. ...e come volevasi dimostrare...fatto,piaciuto e fotografato!MonAmour mi e' impazzito e ho deciso di dedicare un post al tuo Rosti...io sull'IPad nn trovo i due puntini da mettere sopra la O
    Appena pubblico il post ti avviso
    Per ora grazieeeeee

    RispondiElimina