lunedì 30 dicembre 2013

Sformato di Patate

Questi sono giorni in cui la mia connessione non va, anzi, ci si è messo pure il computer... l'altro ieri si è divertito a prendermi in giro, ha fatto apparire una schermata piuttosto strana e ho dovuto riavviarlo a forza, potete quindi capire lo spavento che mi ha fatto prendere :) Dopo minacce del tipo "se non funzioni passo al mac" ora sembra funzionare di nuovo, anche se - per la serie qui siamo scaramantici quanto basta - meglio non dirlo, si sa mai... :)
E' andato bene Natale? E Santo Stefano? Sopravvissuti a cene, cenette, pranzi, buffet? Siete stati più buoni e più felici? D'accordo, la smetto con le domande, era solo per fare sana conversazione e per dimenticare il mio. Mi fa abbastanza sorridere la cosa adesso, è stato una via di mezzo tra l'estenuante e l'esilarante per tutta una serie di motivi che non sto ad elencarvi, beh ecco, ve lo risparmio :D
Prima di lasciarvi augurandovi un buon anno, vi do la ricetta di questo semplice ma saporito sformato di patate, ottimo da portare in tavola durante le cene infrasettimanali come contorno o come piatto unico insieme ad un'insalata fresca e croccante. La mia versione contiene solo formaggio e un bel pò di noce moscata e origano, ovviamente potete arricchirla con dell'altro, funghi, piselli, mozzarella, spinaci, altre erbette o con tutto ciò che la fantasia vi suggerisce, insomma, in ogni caso lo sformato sarà un gran bel piatto :)) A tutti auguro un buon fine anno e un meraviglioso 2014! Auguri!

Lattuga

venerdì 20 dicembre 2013

Panforte Margherita

Avrei voluto condividere la ricetta del panforte margherita ieri e non oggi ma avevo la torta di mele e quindi... penso che dopo panettoni o pandori, il panforte, di origine senese, sia il simbolo per eccellenza del Natale - ovviamente insieme a ricciarelli e torroni:)- non ricordo un solo anno in cui non è stato portato in tavola per le feste... di anni ne sono passati ma certe tradizioni sono rimaste, così quest'anno ho voluto prepararlo io, con qualche piccola modifica certo, ma con la sua stessa inconfondibile consistenza e il suo meraviglioso profumo speziato.

Panforte margherita

giovedì 19 dicembre 2013

Torta di mele


Se esistesse il premio per le migliori intenzioni, senza dubbio, io ne sarei la vincitrice:D Beh ecco, scherzi a parte, so che avrei voluto condividere solo ricette di Natale che, tra l'altro, ormai è alle porte ma avevo delle mele, non molte in realtà, così ho semplicemente pensato di farci una torta, quella buona, semplice che sa di casa... e mentre lei, la torta di mele, è in forno io ovviamente ho fatto dell'altro, tipo... preparare i canditi con le arance bio prese ieri pomeriggio al mercato o finito di decorare casa o preparato altri biscotti al cioccolato o... certo che se ne fanno di cose in un'ora eh:))
 
Torta di mele, mandorle e quinoa

lunedì 16 dicembre 2013

Biscotti al Cioccolato

Onestamente, solo adesso che ci penso la cosa mi fa sorridere sul serio :) Mi era venuta l'idea di pubblicare ricette a tema natalizio per l'intero mese e oltre, diciamo fino al giorno dell'epifania e, visto che del tempo tutto per me ce l'ho fino a metà Gennaio, quest'anno mi sarebbe piaciuto provarci. Sorrido solo perché non sono bravissima in questo, a pianificare le cose da fare intendo, soprattutto perché cucino e faccio foto a quello che ho in testa al momento, vabbé si sa mai riesco per davvero nell'impresa... :D
Bene, allora facciamo che mentre io vado a riflettere su cosa preparare o meno - si accettano idee, suggerimenti e richieste :) - vi lascio la ricetta di questi biscotti al cioccolato, assolutamente deliziosi e perfetti da sgranocchiare sorseggiando una  fumante tazza di tè caldo...

Chocolate cookies

venerdì 13 dicembre 2013

Brioche di Santa Lucia


Oggi è il giorno di Santa Lucia. Io, noi, in famiglia insomma non abbiamo mai festeggiato o preparato qualcosa di speciale in questo giorno. Frolle a parte, non saprei nemmeno raccontarvi niente di più tipico legato alla tradizione della zona. In generale, la verità è che nel corso degli anni la sola a conoscere piatti tipici, mi riferisco a cosa portare in tavola per quella ricorrenza o a cosa preparare per quell'altra ancora, fanno eccezione Natale e Pasqua ovviamente - non sorridete troppo che vi vedo eh:)) - e a mantenere viva quella pò di tradizione appunto, più o meno, è sempre e solo stata mia nonna.
Quest'anno invece mi è sembrato bello o per lo meno interessante proporre qualcosa io e festeggiare con i lussebullar, delle piccole brioche a forma di S, impastate con lo zafferano e decorate con l'uvetta passa. Vengono chiamate anche lessekatte, gatti di Santa Lucia - portatrice di luce di abbondanza e fortuna per tutti - perché assomigliano a dei gattini (?) e sono tipiche della tradizione natalizia in Svezia, dove vengono preparate per festeggiare il giorno più corto dell'anno, per segnare la fine del buio e l'inizio delle giornate con maggiore luce... buona Santa Lucia a tutti!! 

Brioche di Santa Lucia

martedì 10 dicembre 2013

Muffins al Cacao

Tanto oramai lo sapete che adoro alla follia infornare torte e dolci per la colazione o per la pausa pomeridiana, quindi oggi vi presento la ricetta di questi semplici muffins al cacao fatti con un bel mix di farine (farro, quinoa e riso, olè! Se non avete la quinoa fa niente usate pure il farro) e frutta fresca (la verità è che avevo una banana orfana in dispensa e così l'ho aggiunta all'impasto tagliata a cubetti, beh povera era lì sola e quindi... :))
Ho rispolverato la ricetta della torta di pesche al cacao - la ricordate? - al posto del caffè ho utilizzato del rum scuro e cannella, ho aggiunto del cioccolato spezzettato per cospargere la superficie e infornato per 20 minuti. Escono dei tortini molto morbidi e delicati, terribilmente buoni e perfetti per iniziare bene la giornata, ecco l'ho detto :))

Muffins al cacao

sabato 30 novembre 2013

No-knead Bread Integrale

Ho un rapporto conflittuale con i lievitati. Nel senso che il risultato non è mai quello che penso - e spero :D - che sia, in sostanza, il più delle volte è l'opposto di quello che credo ecco... quindi ho un rapporto un bel pò conflittuale con i lievitati, e non ditemi che non s'era notato, visto che di ricette a tema ce ne sono pochine qui :) Vabbé, andiamo oltre, l'ultima volta vi avevo accennato a quanto trovassi bello e interessante il no-knead bread, al mio primo tentativo felice ma non troppo di infornare un pane integrale degno di tale nome e alla splendida versione ammirata nel libro di Jim Lahey, inventore del cosiddetto "pane senza impasto" reso famoso da un video intervista del giornalista Mark Bittman in cui Jim, proprietario della SullivanStreet Bakery di Manhattan, New York, spiega il procedimento passaggio dopo passaggio. Bene. Vi avevo anche detto che c'avrei riprovato :) Insomma, diciamo che quando ho in testa una cosa è difficile che mi passi, e così oggi, grazie anche alle indicazioni di Martina, vi presento il secondo tentativo in tutto il suo splendore :D!!
Trovo sia incredibilmente semplice da realizzare e, nonostante debba essere pianificato in anticipo, trovo sia anche molto veloce da preparare. E' sufficiente mescolare senza impastare gli ingredienti, far riposare il tutto per 12 o 18 ore a temperatura ambiente, al caldo e lontano da correnti d'aria, poi maneggiare l'impasto lievitato il meno possibile infarinando solo le mani - è un bel pò appiccicoso :) - lasciarlo lievitare ancora 1 o 2 ore e cuocerlo in forno all'interno di una casseruola di ghisa - o ceramica, o alluminio, o vetro - con coperchio rovente. Il pane è un pane ottimo per sapore e alveolatura, morbido e fragrante, insomma senza esagerare, almeno stavolta, è il pane che ho sempre sognato di mangiare!
Il primo tentativo come difetto, se di difetto si può parlare - in realtà lo è solo per me perché il pane era strepitoso - è stato non aver avuto la crosta "spaccata". Motivo? Dopo aver riflettuto a lungo ho capito che la pentola di ghisa usata per cuocere il pane non era rovente abbastanza. Ho ripetuto lo stesso identico procedimento, aggiungendo un cucchiaio di malto e due di olio rispetto alla ricetta originale del libro, poi ho lasciato scaldare mooolto di più la pentola nel forno, quindi ora lasciatemelo dire... il secondo pane mi piace di più :D
 
no-knead bread

mercoledì 27 novembre 2013

Biscotti al Grano Saraceno e Cioccolato

Avrei voluto pubblicare dell'altro, giusto per non avere tre ricette dolci di seguito, lo avrei fatto se solo non fossi inciampata più di una volta in questi biscotti negli ultimi due giorni mentre cercavo di mettere ordine nel portatile, vabbé sono cose che capitano :D
Ad essere sincera ho la testa da tutt'altra parte, no-knead bread vi dice mica niente? Volevo fare del pane, integrale per l'occasione, e ho fatto una prova, una prova che non mi ha convinta nonostante abbia seguito alla lettera la ricetta del libro di Jim Lahey. Lui è bravissimo, uno di quei tipi da sposare all'istante, con mille e oltre idee grandiose in testa, che solo per questo fanno già un'enorme simpatia. Poi ci provo io e il risultato, più o meno felice, non è stato esattamente come me l'ero immaginato.
A parte il fatto che con i lievitati, in particolare con il pan brioche, ho un conto in sospeso, però è vero anche che negli ultimi mesi ho fatto un bel pò di pratica e, oltre ad aver migliorato la tecnica, ho acquistato tanta fiducia e sicurezza in più :) perciò sono sicurissima di aver trascurato solo un dettaglio...
Dicevamo? Ah si, questi biscotti sono al grano saraceno e cioccolato, oltre ad essere perfetti per una piacevole pausa pomeridiana, sono friabili e croccanti allo stesso tempo e si preparano in pochi minuti - tant'è che ho perso il conto di tutte le volte che li ho già infornati :) -. Per conservare la loro friabilità nel tempo, conservateli al massimo per 5 giorni chiusi in una scatola di latta... ora scusate, devo capire di quale dettaglio si tratta :))

 Biscotti al grano saraceno e cioccolato

venerdì 22 novembre 2013

Vegan Banana Carrot Bread

Non volevo lasciarvi senza un'idea per la colazione del fine settimana e così al volo vi scrivo la ricetta di questo semplice cake :)
L'impasto è simile, più o meno eh, a quello dei muffins di quinoa, solo che non c'è la farina di quinoa e in realtà nemmeno le nocciole e le uova, ma c'è della farina di farro e lo stesso succo di carota, beh proprio lo stesso no, diciamo quello rimasto nella bottiglia :D ecco, e per farlo ancora più sano e più bello dello zucchero si canna bio. Ah, dimenticavo di dirvi che ci sono anche un paio di banane appositamente dimenticate nel cestino della frutta per farle maturare un bel pò. Il risultato ci è piaciuto molto, morbido, leggermente fruttato e verduroso, magari alla prossima aggiungo delle noci o dell'altra frutta secca tritata grossolanamente dopo averla tostata in forno... :))
 
Vegan Banana Carrot Bread

lunedì 18 novembre 2013

Muffins di Quinoa con Carote e Mela Verde


Sapete che alla quinoa non resisto, eh? Eppure, fino a qualche mese fa, non avevo mai visto la farina, intendo la farina già confezionata, quella che si acquista comodamente in pacchetti da 500 grammi o meglio ancora da chilo da prendere e portar via. Nemmeno nei negozi specializzati o in quelli di prodotti biologici, mai, manco cercassi oro, in tal caso credo sarebbe stato più semplice.
E così fino a ieri - si fa per dire visto che ciò già sperimentato parecchie cosine :D - la univo agli altri ingredienti tritandola finemente e tostandola a fuoco molto basso.
In questi muffins, invece, c'è proprio la farina e considerando essere stata la prima volta, direi che il risultato è piaciuto parecchio. Rispetto ad altri infornati dopo, sono un pochino bassini, molto morbidi e leggeri, credo sia dipeso dal succo di carota, comunque nel complesso sono davvero deliziosi e perfetti per una piacevole paura pomeridiana :)  

Muffins di quinoa con carote e mela verde

mercoledì 13 novembre 2013

Meglio tardi che mai :D... MedDiet Camp!


La verità è che con le parole non sono mai stata molto brava. Mai. Tendo a soffocare ogni cosa dentro senza esternarla del tutto e lo faccio spesso, così tanto che oramai sono sempre più convinta che a possedere per natura questo dono siano in pochi. Non puoi studiarlo nei libri e non puoi fartelo insegnare da nessuno, perché essere in grado di esprimere, e soprattutto descrivere, le proprie emozioni attraverso l'uso delle parole è una dote che o ce l'hai o non ce l'hai, punto. Dicono dipenda dal carattere. Forse.
Non capisco neanche perché sto scrivendo questo, probabilmente è perché so di essere stata poco presente nell'ultimo anno, spesso ho pensato di chiudere tutto convinta che quello condiviso fino a ieri sia solo... passato. Non sono cambiata, lo penso sul serio, certo è che sono stata assorbita da una vita da riordinare e riorganizzare, non è stato facile e, ad essere onesta con me stessa, trovo non lo sia nemmeno adesso. E' stato come se ad un certo punto non avessi più niente da dire o da condividere tra queste pagine. Qui il tempo si è fermato, fuori invece sembra essere volato. Beh in sostanza, voglio dire che oltre a questo posto mi sono sfuggite tante altre cose della vita.
Chi mi conosce sa che sono una persona riservata e diffidente, non mi lascio avvicinare. No. Non è autodifesa, difesa poi da cosa? Così, un pò proprio in quel lontano post :D ho chiesto alla Sara di aiutarmi e di cambiare almeno questo piccolo blog, di rinnovarlo e di stravolgerlo tanto quanto basta a farne un luogo migliore di prima. La ringrazio per la pazienza che ha avuto e che ha tutt'ora :D, per la sua amicizia e per il suo affetto!
A pensarci bene, ora dovrei cambiare anche taglio di capelli, no? Comunque manterrei la frangia :))

2

giovedì 31 ottobre 2013

Orzotto con zucca e funghi

Ecco, mi sa che dopo questa, dico basta con le ricette che hanno la zucca (d'accordo e anche i funghi:)) tra la lista degli ingredienti - vabbé almeno qua :D, ovvio no? - Ormai ogni anno, soprattutto grazie al mercato di agricoltori locali, ne acquisto sempre un bel pò per averle a disposizione tutto l'inverno, così le uso spesso e volentieri per l'ora di pranzo, come condimento nei primi o arrostite in forno cosparse con tante tantissime erbette aromatiche e pinoli per un semplice contorno. Mi sono simpatiche, che vi devo dì... specialmente quelle piccole e intere, con la polpa compatta e dolce, ma nulla a che vedere con feste e festicciole del 31 Ottobre, la festa di Halloween non mi ha mai entusiasmata, la mia è un'autentica passione :)  
E a proposito di ricette, anche oggi abbiamo un post, non vi sembra vero eh! Nemmeno a me :D Comunque, per l'occasione ho preparato un orzotto di quelli semplici semplici, senza troppe complicazioni nel mezzo e tutte quelle cure che invece richiede il riso nei risotti, con i due ingredienti che in queste settimane uso spessissimo. Insomma si, l'orzo perlato, oltre che buono e sano è anche una meraviglia da cucinare, lo metti in pentola con il brodo, sistemi il coperchio e hai quasi finito. La poca presenza o quasi di amido, come in questo caso, ha il suo lato positivo, sai che l'orzotto non diventerà appiccicoso come potrebbe essere un risotto preparato distrattamente, e sai già che non si dovrà mescolare in continuazione mentre cuoce... Happy Halloween!!  

Autunno 

mercoledì 30 ottobre 2013

Tagliatelle ai Funghi

Un piatto tipicamente autunnale, che adoro per il suo sapore semplice ma allo stesso tempo intenso. Forse la ricetta l'avrete già letta sulla Cucina di D, ma sarebbe un peccato non condividerla anche qui, perché è un primo straordinario e a pensarci bene questa che sto per raccontarvi potrebbe benissimo essere La mia versione delle tagliatelle ai funghi…
Ho utilizzato degli champignon bianchi al posto dei classici porcini, un bel mazzetto di prezzemolo fresco dell'orto di mio padre, della scorzetta di limone per vivacizzare l'insieme e tanto parmigiano quanto basta a creare una deliziosa cremina, in grado di avvolgere la sfoglia ruvida e porosa delle tagliatelle all'uovo.
Pare brutto lo so, ma questa volta la pasta non è fatta in casa... Sapete che normalmente a me piace sempre fare tutto da me ma ho cucinato, impastato e infornato talmente tanto in questi ultimi mesi che per una volta ho voluto agevolarmi la vita :) Ma ovviamente sapete che la mie passioni rimangono immutate e che non potrei mai vivere senza forno e macchina fotografica!
Però ammetto che avere qualcosa di pronto ogni tanto non guasta e se si cerca bene esistono prodotti gastronomici davvero buoni. Senza contare che insomma non si può far proprio tutto tutto. Così se vi capita di fare grossi acquisti, magari per i cesti regalo di Natale, date un´occhiata su Signorsconto.it qui trovate sconti per un´ampia varietà di negozi online.
Io ci ho fatto un pensierino anche per certi accessori per la casa che dovrei comprare. Ma ve ne riparlerò quando avrò un po´ più di tempo :D

  Tagliatelle ai funghi

lunedì 30 settembre 2013

RISOTTO CON ZUCCA E CANNELLINI

Inutile ripeterlo, adoro le zucche :) Nonostante il risotto di oggi sia un semplicissimo risotto alla zucca, l'aggiunta dei cannellini lo rende particolarmente cremoso e perfetto come rimedio contro tristezza da fine estate :D...   

Risotto con zucca e cannellini

giovedì 26 settembre 2013

MELANZANE AL FORNO

Qualche giorno fa mi è ricapitata sottomano questa ricetta semplice semplice - di cui mi ero quasi scordata… e così, nonostante la stagione delle melanzane volga al termine, ho pensato fosse un peccato non condividerla anche qui con voi – anche se ammetto di non essere la sola ad averci pensato, infatti la trovate anche sulla Cucina di D :D...
Sto parlando di uno dei contorni più semplici e facili che io conosca e che trovo però anche estremamente delizioso e versatile. Spesso infatti lo utilizzo come condimento per la pasta all'ora di pranzo… come? Se vi avanzano delle melanzane cotte al forno scavate e la polpa e mettetela in una ciotola, insieme a della ricotta - o altro formaggio morbido a vostro piacere, un filo d'olio e uno spicchietto d'aglio tritato finemente. Quindi lavorate il tutto a crema … et voilà il condimento è pronto! Facile no?

Melanzane al forno

sabato 31 agosto 2013

CRUMBLE DI RABARBARO E PRUGNE ROSSE

Accidenti quanto mi mancate! Sembra ieri di aver scritto l'ultima ricetta qui e invece anche Agosto è volato. Non sono in vacanza, non so cosa darei per esserlo veramente. Questo quindi non è un rientro ma è una specie di saluto per dirvi che non vedo l'ora di tornare alla normalità, di scrivere, di condividere foto e post per il piacere di farlo e basta. Non ho smesso di cucinare, anzi, non l'ho mai fatto così tanto in vita mia:-)
Un fortissimo abbraccio <3
 
Vario

mercoledì 31 luglio 2013

PUDDING DI ALBICOCCHE

Ultimamente la mia presenza in rete è un tantino scarsa - s'è per caso notato? - Vabbé. Qui, tra caldo eccessivo e lavoro arretrato da mandare avanti ad ogni costo, il tempo per se stessi è davvero scarso... quello per cucinare no, in realtà non faccio altro da settimane :-D
Esagero appena, comunque è sempre bello quando si ha il modo e soprattutto la possibilità di poter preparare per se stessi un bel dolce, di quelli semplici e veloci, di quelli che ti chiedi come sarà la consistenza finale perché non l'hai mai assaggiato prima, insomma di quelli come piacciono a me... con la frutta fresca all'interno e con pochi ingredienti da utilizzare e ciotole da sporcare :-)  

Albicocche

domenica 30 giugno 2013

MUFFINS SALATI

Mi rendo conto che sembra strano, lo sembra tanto anche a me, ma prima di ieri (sera:-), non avevo mai infornato dei muffins salati. Per me i muffins sono quelli dolci, ai mirtilli per capirci, molto morbidi e gonfi, macchiati qua e la di blu.
Beh in sostanza, non so nemmeno come sia successo, comunque il lato positivo della faccenda è quello di aver scoperto che sono facilissimi da preparare, un paio di ingredienti da mettere insieme, zero pirottini di carta da utilizzare e via nel forno, pronti in pochissimi minuti :-D
 
Muffins salati

mercoledì 26 giugno 2013

POMODORI RIPIENI

Vabbè. Il caldo spesso sa giocarmi brutti scherzi (niente di grave eh :-) soltanto ci sono quei giorni in cui l'unica cosa che vorresti al mondo è sparire, non perché sia successo qualcosa di grave, terribile o irrimediabile, ma solo perché la tua pressione è ai minimi storici ma tu, nonostante tutto, devi dare comunque il massimo al lavoro, a casa, a quella tal cosa che presto finirà... ebbene si, il caldo in tutto questo non aiuta.
Fortuna che poi esistono quei piatti tipici dell'estate come le verdure ripiene che adori tanto perché buone, colorate e che, nonostante le apparenze, sono anche abbastanza veloci da preparare per l'ora di pranzo.
Per l'occasione ho pensato a dei pomodori ripieni con un ripieno totalmente vegano, fatto con quinoa gialla, tofu affumicato, un bel po' della mia erbetta aromatica preferita ed una piccola zucchina verde, nata di recente nell'orto di casa :-) (finalmente, dopo anni e anni che vi annoio con la storia dell'orto, quest'anno ne ho uno tutto mio piccolo dietro casa :-D)
Ovviamente il ripieno da vegano potete trasformarlo in vegetariano in meno di un secondo sostituendo il tofu con un fresco fior di latte :-)  

Pomodori ripieni di quinoa, tofu e verdure

giovedì 13 giugno 2013

TORTIGLIONI ALLA PIZZAIOLA

Non so cosa sia successo ma finalmente sembra che il sole si sia deciso a rimanere fra noi:-) visto che fino a qualche giorno fa sembrava di essere in pieno autunno. Evidentemente si sarà accorto pure lui che oramai siamo a metà giugno e che, tra non molto, sarà estate. Beh, insomma, ve lo devo proprio dire... qua c'è voglia di andare al mare e a spasso, in una sola parola, c'è voglia di andare in vacanza:-D... senza pensieri per la testa che puntualmente ti ricordano che tu (io) hai una scadenza a breve e che tu (sempre io, abbiate pazienza:-) ancora non decidi di concludere tutto e a consegnare (mah, cosa volete che dica, a volte non riesco neanch'io a capire me stessa e fatico ad andare avanti...)
Su una cosa però sono sicura, che il piatto di oggi è uno dei miei preferiti, sarà perché ricorda il sapore della pizza o sarà perché non saprei vivere senza un buon piatto di pasta a pranzo... poi, non so a voi ma a me fa anche molto "pranzo della domenica in famiglia" :-) 
 
Tortiglioni alla pizzaiola

lunedì 10 giugno 2013

RISOTTO AL RADICCHIO E BORLOTTI


Il lato positivo dell’avere, nel proprio portatile, un archivio con tanto di cartelle e sottocartelle ormai stracolmo, vabbè esagero sempre, diciamo pieno và :) di foto scattate, chissà quando e chissà come, è quello che di permette di ripescare ricette dimenticate da un po’:-D.
Quindi - proprio al volo - è il caso del risotto al radicchio e borlotti di oggi:-) Non me ne vogliate se scappo - di corsa - ma devo ancora pensare al pranzo di oggi, al dolce per la festa di compleanno del fratello e a un bel po' di piacevoli acquisti qua e là:-)
 
Risotto al radicchio e borlotti

lunedì 27 maggio 2013

OMELETTE DI PRIMAVERA

Ultimamente mi capita di perdere un po' troppo la concentrazione - a mo' di esempio, sono due giorni che tento di scrivere questo post senza riuscirci, apro e chiudo word senza combinare niente - potrei dare la colpa alla primavera o al caldo se solo si fosse deciso ad arrivare, non vi pare? 
Avrei anche voluto iniziare la settimana con un dolce, uno dei quei dolci fantastici e senza sensi di colpa della domenica, macché, a forza di pensare a cosa preparare non ho combinato niente e il fine settimana è passato senza neanche me ne accorgessi.
Ah ecco, sto alla frutta, vero?! :-D
Beh allora, fortuna che qualche settimana fa la cara amica Vaniglia ha scritto un paio di post su "ricette rewind", l'idea mi è piaciuta talmente tanto che ho promesso a me stessa di ripubblicare anch'io qualche ricetta "datata", modificandola e migliorandola un pò rispetto all'originale.
Visto che in questo periodo dell'anno faccio sempre una gran bella scorta di asparagi - credo davvero che ormai tutti, anche i muri, abbiano capito che li adoro tantissimo - ho pensato di usarli per ripreparare uno dei miei piatti preferiti: l'omelette:-) 
Questa volta, al posto del cucchiaio di panna fresca, ho usato il caprino, ho aggiunto i piselli e insaporito gli asparagi con lo scalogno. Il risultato è piaciuto di nuovo a tutti, non c’è che dire, con gli asparagi si rende speciale ogni cosa!
 
Omelette di primavera

mercoledì 22 maggio 2013

MUFFINS CON FRAGOLE E VANIGLIA

Non infornavo un dolce da una vita, che per caso si nota? Ehm, in realtà per il blog perché per altri motivi di dolci dal mio forno ne sono usciti tanti:-) ora che ci penso, ad essere sincera con voi, di questa situazione non ne posso veramente più - così come non ne posso più della connessione con cui sono costretta a convivere da una vita oramai: tutti i tentativi fatti negli ultimi giorni per caricare foto e aggiornare questo povero blog sono stati inutili, ovviamente anche per passare nei vostri:-)... insomma, qua l'unica soluzione possibile per risolvere la cosa sarebbe cambiare casa, zona, città... in una sola parola, è andarsene... e anche lontano poi - Comunque, in breve, prima che compaia l'odioso "non è possibile visualizzare questa pagina", con le fragole regalate da una cara amica ho fatto dei muffins, o tortine :-) visto che non sono belli gonfi come in realtà vorrei, morbidi e non molto zuccherosi, perfetti in ogni momento della giornata :-D

Muffins con fragole e vaniglia

giovedì 16 maggio 2013

RISOTTO CON ASPARAGI, PISELLI E CAPRINO

Dovete sapere che gli asparagi esercitano su di me lo stesso identico strano effetto delle zucche. Sissì, quando li vedo non sono in grado di resistere e devo portarli a casa con me:-) Non ridete eh! Sono serissima. Vabbé, si fa per dire visto che negli ultimi giorni non ho fatto altro che scrivere ricette, dosi e procedimenti (prometto che di questa cosa ve ne parlerò meglio fra pochi giorni:-), quindi ora le frasi qui potrebbero essere tranquillamente senza senso ed io tremendamente convinta che in realtà il senso ce l'abbiano eccome:-)
Ciò premesso, ogni tanto riesco a raggiungere un delizioso mercatino di frutta e verdura fresca organizzato da un ristretto numero di agricoltori locali - è una vera fortuna averlo scoperto perché oltre alla qualità sono davvero molto attenti alla varietà di prodotti da offrire - ben felice di poter fare la scorta per l'intera (o quasi) settimana e soprattutto sapere ogni volta in anticipo cosa ci sarà per pranzo al rientro, bello no? Infatti gli asparagi per la ricetta del risotto di oggi provengono proprio da lì (e comunque non me li sarei mai lasciati scappare visto che senza un bel mazzetto in giro per casa è come se la primavera non fosse ancora arrivata, tempo a parte ovviamente:-) 
 
Risotto con asparagi, piselli e caprino

martedì 23 aprile 2013

INSALATA DI CANNELLINI CON ROSMARINO, AGLIO E LIMONE

Riaffacciarsi da queste parti è sempre bello. Il motivo di tanto silenzio, ad essere sincera, non saprei neanche spiegarvelo, di cose da fare ce ne sono sempre tante, spesso troppe, a pensarci bene non ho ancora stirato la camicia e messo in valigia qualche abito per la partenza delle tre di questo pomeriggio (no, niente vacanza, magaaari:-D) stavolta si tratta di lavoro, quello mio, quindi parto con una certa fiducia nel cuore finalmente riconquistata, sognando che si tratti di un nuovo inizio, beh, o almeno si spera.
Ho sempre dimenticato di ringraziare la signora Eleonora, come chi è? Non ditemi che non ve la ricordate: lievitati, pan brioche... ecco, si, lei. Grazie. Prometto che vi racconterò tutto, anzi, devo scriverle una mail al più presto, vabbé allora meglio che vada... la ricetta sotto è di Nigella e, si che lo so, fa strano! ma è la sua:) e appartiene alla raccolta di ricette ispirate all'Italia.
 
Insalata di cannellini con rosmarino, aglio e limone

mercoledì 20 marzo 2013

WORKSHOP TERAMO

Ecco si, e che qua alla fine dopo un lungo silenzio tornare a scrivere è sempre un pò difficile... dopo aver studiato un ritmo-simil-perfetto per pubblicare ricette in maniera più o meno costante prima di sparire del tutto dalla circolazione (si fa per dire eh!), capita che l'influenza (e non solo quella ahimè) quest'anno ha colpito pesantemente (consiglio quindi per chi ancora non l'avesse avuta di non ritenersi tanto fortunato, proprio come ha fatto la sottoscritta fino a poco tempo fa, visto che ancora oggi dopo ben oltre due settimane di dura sofferenza non sono tornata ancora in piena forma, p-o-v-e-r-a me!!:-)... vabbé, malanni e acciacchi a parte, forse sarà meglio parlare d'altro:-) dunque, cosa ne dite di workshop-food-photo?
Se vi piace l'argomento dovete sapere che vi aspetto Sabato 6 e Domenica 7 Aprile a Teramo. Avete capito benissimo. Io e il bravissimo fotografo pubblicitario Maurizio Anselmi abbiamo organizzato una serie di lezioni tutte dedicate al meraviglioso mondo della fotografia di food. Bello no?
 
"Il workshop si svolgerà negli spazi dello studio del fotografo Maurizio Anselmi, un'ampia struttura dedicata alla produzione di immagini per la comunicazione, in Via Bruschelli 60 a Teramo".
"Il corso offrirà a tutti i partecipanti nozioni teoriche, pratiche e di post produzione, in cui l'obiettivo principale sarà quello di fornire le basi, metodi e trucchi necessari ad ottenere una fotografia perfetta".
"Il Workshop è rivolto a tutti coloro che considerano la fotografia come strumento di espressione e comunicazione: food blogger, fotoamatori, dilettanti, ma anche a chi vuole muovere i primi passi nel vasto mondo della fotografia in generale".
 
Per altre informazioni leggere qui http://www.foodphotoworkshop.it/
 
Per chi fosse interessato ovviamente può scrivermi una mail in privato e sarò lieta di fornire tutte le indicazioni possibili. Vi aspetto con tanto tantissimo entusiasmo, sarà una splendida occasione per conoscerci e trascorrere due giorni indimenticabili insieme a discutere di foto, props, tecniche e trucchi vari!
 
Con enorme rammarico vi comunico, che a seguito di problemi improvvisi non previsti, il workshop previsto a Teramo per il 6/7 Aprile verrà rinviato il 27/28 Aprile.

 
Workshop Teramo
 
UN ABBRACCIO!!!


venerdì 15 febbraio 2013

OMELETTE DI ROSSO TARDIVO E MONTASIO

Forse qualcuno si ricorderà della mia smisurata passione per le omelette/frittatine che dir si voglia. Ebbene è una di quelle cose che cucino più spesso, perciò oggi un'idea al volo nata proprio ieri, in uno dei miei soliti giri al mercato vicino casa, quando riflettevo sul radicchio, sulle diverse qualità, sul fatto che a me il radicchio è stato sempre poco simpatico (troppo amaro:-) e sulla ricetta di Sale&pepe di qualche mesetto fa. Così stamattina, caso ha voluto che avessi tutto pronto, e posto... quota tre ricette pubblicate in una settimana, beh, dico non male:-) 

Radicchio Rosso di Treviso tardivo

martedì 12 febbraio 2013

CIAMBELLINE DI PATATE

Vabbé. Visto che oggi è Carnevale vi scrivo la ricetta di queste ciambelline fatte di patate oggi e non domani, come vi avevo già accennato ieri (apperò, scrivere di sera/notte inoltrata sta dando i suoi frutti, benebene:-) dicevamo? Ah si, dunque. In sostanza le ciambelline sotto hanno nell'impasto le patate, sono davvero soffici, affatto complicate da preparare e neppure troppo impegnative in termini di tempo. L'impasto è lievitato in meno di un'ora che, vista la temperatura polare di casa, credo sia un dato da non sottovalutare:-)
Detto ciò, era dall'anno scorso che volevo provarle, per testare l'effettiva morbidezza tanto decantata che le patate conferisco all'impasto e così quest'anno, complice un'irrefrenabile tendenza a friggere ogni cosa, le ho finalmente provate. La ricetta viene direttamente da qua, non mi ha mai deluso fin'ora e ovviamente ho adattato le dosi degli altri ingredienti in base alla qualità delle patate che ho usato io e quindi... viste. Fatte.  
 
Ciambelline di patate

lunedì 11 febbraio 2013

STRUFFOLI DI NIGELLA

Nonostante detesti friggere quest'anno è andata diversamente dagli altri anni: struffoli, di Nigella per l'occasione, frappe e ciambelline di patate:-)
In realtà prima di martedì vorrei cucinare anche le frittole veneziane, viste su La Cucina del Corriere proprio ieri sera, beh per la cronaca ho ripreso a scrivere di sera/notte inoltrata, come ai vecchi tempi insomma, di giorno sono affetta da quella strana sindrome dipoltronite acuta, perciò il miglior compromesso per non abbandonare o peggio ancora chiudere definitivamente questo povero blog è stato decidere di tornare a scrivere a fine giornata. Oh a proposito, che fine ha fatto il mensile? Sbaglio oppure hanno smesso di pubblicarlo, sebbene a tutt'oggi nutra dei forti dubbi sulla buona riuscita di alcune ricette, l'ho sempre trovato bello da sfogliare...
Vabbé. Come ho già detto la ricetta è di Nigella presente su questo libro, ho dimezzato soltanto le dosi e ne sono venute un bel pò lo stesso... ah dimenticavo, visto che non farò in tempo a darvi le ricette degli altri dolci prima di Carnevale, ovviamente le posterò dopo, non vi spiace vero:-)?? Adesso scappo, si fa per dire:-)

Struffoli di Nigella

giovedì 7 febbraio 2013

MACARONS ALLA VANIGLIA

Tanto per rimanere coerenti con quanto vi avevo anticipato nel post precedente, oggi: macarons:-). Sinceramente dovrei lavorarci ancora un pò perché esteticamente parlando non sono del tutto perfetti, visto che  non sono assolutamente come vorrei che fossero in realtà:-) con il guscio più omogeneo e leggermente più basso. Vabbé. Sono dettagli trascurabili se confrontiamo i primi due tentativi con gli ultimi, anche se...
Comunque tornando a noi, per meglio dire ai macarons:-), la ricetta è della cara amica Alice, non ho variato né ingredienti né quantità, solo il procedimento originale (euhm, so che avrei dovuto seguirlo e che con ogni probabilità è per questo che sono venuti così... "approssimativi":-)!! ma cosa posso farci, sono fatta così:-)
Stavolta, per questioni di tempo (ditemi voi se poi non sono strana io, scelgo improvvisamente di portare ad un'amica i macarons e pretendo pure di fare dei tagli sul tempo, mah!!) non ho usato albumi vecchi di tre giorni e non ho infornato con la doppia teglia.
Nonostante tutto è andata bene perché la coroncina alla base (assente nei primi e nei secondi) si è formata e non si sono formate le crepe in superficie (come nel primo caso), perciò adesso non ho ben capito se mettere da parte per tre giorni gli albumi sia effettivamente un particolare indispensabile per la buona riuscita, mentre attendere 45 minuti prima di infornare si, è davvero fondamentale.
Direi quindi che capiti i grammi esatti di albumi da usare di volta in volta, in fondo non hanno mai lo stesso peso, e il macaron perfetto sarà mio:-)... insomma avrete di certo capito che la guerra è ancora aperta:-)

Macarons 1° e 2° tentativo

giovedì 31 gennaio 2013

INVOLTINI DI VERZA E RISO

Da un bel pò credo di essere affetta da una forma cronica di poltronite acuta e non solo, visto che qua dall'ultimo post è passato più o meno un mese. No dico. Un mese, mica giorni:-) non me ne vogliate.
C'è da dire che se avessi recuperato dal mio amato ma ahimè vecchio portatile delle foto, oggi in realtà, al posto di involtini di verza e di riso, avrei parlato ben volentieri dei tentativi fatti per sfornare dei macarons degni di tale nome, per via di un piccolissimo conto in sospeso che ho con loro da circa un anno, nel senso che circa un anno fa ho provato a farli per due volte di seguito poi più niente. Suppongo dipenda dal fatto di trovarli tremendamente belli, pure buoni per carità, ma non farei follie per averne uno (sarò la sola? chi può dirlo:-) beh, d'accordo ammetto di essere strana a volte, per dire: un giorno si vuole una cosa mentre il giorno dopo la si dimentica) così l'unica certezza è quella che se per un motivo qualsiasi mi trovassi a scegliere tra i macarons e una fetta di torta di mele, ecco io... mi sono spiegata vero?!:-)
Con ciò sapete quale sarà l'argomento del prossimo post (sperando non passi un altro mese:-)
Tornando alla ricetta del giorno, trattasi di semplicissimi involtini di verza ripieni del mio amato vialone (il riso:-) un bel pò di formaggio ed erbette aromatiche quanto basta per rendere l'insieme interessante. Poi vabbé, il bello degli involtini in generale è anche quello che si prestano a tantissime altre varianti... ben vengano quindi...
 
Micio