lunedì 11 febbraio 2013

STRUFFOLI DI NIGELLA

Nonostante detesti friggere quest'anno è andata diversamente dagli altri anni: struffoli, di Nigella per l'occasione, frappe e ciambelline di patate:-)
In realtà prima di martedì vorrei cucinare anche le frittole veneziane, viste su La Cucina del Corriere proprio ieri sera, beh per la cronaca ho ripreso a scrivere di sera/notte inoltrata, come ai vecchi tempi insomma, di giorno sono affetta da quella strana sindrome dipoltronite acuta, perciò il miglior compromesso per non abbandonare o peggio ancora chiudere definitivamente questo povero blog è stato decidere di tornare a scrivere a fine giornata. Oh a proposito, che fine ha fatto il mensile? Sbaglio oppure hanno smesso di pubblicarlo, sebbene a tutt'oggi nutra dei forti dubbi sulla buona riuscita di alcune ricette, l'ho sempre trovato bello da sfogliare...
Vabbé. Come ho già detto la ricetta è di Nigella presente su questo libro, ho dimezzato soltanto le dosi e ne sono venute un bel pò lo stesso... ah dimenticavo, visto che non farò in tempo a darvi le ricette degli altri dolci prima di Carnevale, ovviamente le posterò dopo, non vi spiace vero:-)?? Adesso scappo, si fa per dire:-)

Struffoli di Nigella

Ingredienti: 
 
-      300 gr. di farina 00
-      3 uova intere
-      50 gr. di zucchero semolato
-      30 gr. di olio
-      1 cucchiaio di liquore all'anice
-      Lievito per dolci un pizzico (meno di 1/2 cucchiaino)
-      Buccia grattugiata di un limone non trattato
-      Sale
-      Olio d'oliva per friggere
-      230 gr. di miele d'acacia
-      Confettini o codette colorate per decorare
 
In una ciotola capiente lavorate le uova con lo zucchero. Unite l'olio, la buccia grattugiata del limone non trattato e un pizzico di sale. Continuate a lavorare finché il composto non diventerà gonfio e spumoso.
Aggiungete la farina setacciata con il lievito e iniziate ad impastare a mano direttamente nella ciotola. Trasferite l'impasto sulla spianatoia di legno e continuate ad impastare fino ad ottenere una pasta liscia ed omogenea.
Infarinate leggermente la superficie della spianatoia e dividete in parti uguali la pasta. Arrotolate ciascuna parte in cordoncini spessi di 1 cm e tagliate a tocchetti. Con le mani infarinate trasformate ciascun tocchetto in piccole palline (in cottura aumenteranno la loro dimensione).
Scaldate l'olio in una padella profonda e friggete gli struffoli finché non diventeranno dorati e gonfi. Prelevarli con una schiumarola e disponeteli su un vassoio ricoperto da carta assorbente.
Versate il miele in una casseruola in grado di contenere tutti gli struffoli e scaldatelo molto lentamente fino a farlo diventare liquido.
Versate tutte le palline di pasta e con una spatola mescolate il tutto.
Trasferite su un piatto di portata e, in ultimo, cospargete di confettini o codette colorate.
 
UN ABBRACCIO!!!


25 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Mi suona strano una ricetta così italiana firmata “Nigella”! Ma quanto sono belle quelle golose palline? Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Non sapevo che Nigella avesse inserito tra le sue anche le nostre antiche ricette regionali, ma si sa l'Italia in cucina è sempre vincente:)
    Adoro gli struffoli napoletani!
    buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
  4. Anche io detesto friggere, ma ho fatto qualcosina anch'io :D
    I tuoi struffoli sono perfetti e la foto bellissima come sempre :)

    RispondiElimina
  5. come sono belle, e che voglia di mangiarle tutte quante!

    RispondiElimina
  6. cmq è strano.. perchè anche io odio il fritto, mentre quest'anno mi sto veramente "sperticando" con questo tipo di cottura!!!
    Quindi tu vai con calma, Carnevale è solo l'inizio... ;)
    Bellini 'sti struffoli....! :)

    RispondiElimina
  7. ogni pallina è praticamente identica all'altra...che spettacolo cara!
    bacione

    RispondiElimina
  8. cara che brava che sei a scrivere di sera io è già tanto se lo faccio di giorno, sono una frana come scrittrice, gli struffoli mio marito me li sta chiedendo praticamente da una vita , mi sa che è ora che glieli preparo , che ne dici ? La tua ricetta me la piglio va che è meglio, ciao cara e buon inizio settimana !

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco riguardo il tempo, lo scrivere di notte e il 'chiudere poveri blog'. Oggi sono miracolosamente in ferie e mi sono presa il tempo necessario per scartabellare tra i miei blog preferiti, tra cui il tuo. Che relax.. e nevica pure. Meglio di così?! :)

    Bellissima la foto e... non sapevo che Nigella si dilettasse con gli Struffoli, sembrano proprio buoni!

    A presto
    Mari

    RispondiElimina
  10. che belli, ti sono venuti benissimo! e poi io adoro gli struffoli e nigella.. cmq guarda, non parliamone, io ieri per esempio sono stata tutto il giorno a non fare NIENTE poi la sera al lavoro fino alle 10 e poi.. non sono riuscita ad addormentarmi fino alle 4 e mezza "-.- forse devo considerare anch'io l'idea di scrivere di notte!
    cmq il tuo blog è stupendo, complimentissimi anche per le foto, mi aggiungo subito ai tuoi lettori :)

    RispondiElimina
  11. Anche tu affetta da 'poltronite acuta'?? Incredibile.. io ne soffro ormai da un po' :) Ma devo dire che questi struffoli farebbero invidia anche alla mamma del mio compagno, che è di Ercolano! Complimenti cara, sei stata fantastica! :D Un abbraccio e felice lunedì! :)

    RispondiElimina
  12. Bellissimi i tuoi strufoli, splendida la foto. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  13. oh che meraviglia!!!! svengo solo al pensiero!

    RispondiElimina
  14. Mamma mia che delizia! Neanche io adoro friggere e in questo periodo speciale non posso prendere troppo peso pero'. Mi sa che tra oggi e domani un bel vassoio di chiacchere fritte non me le leva nessuno. D'altronde, carnevale é una volta all'anno, vero? ;)

    RispondiElimina
  15. gli struffoli sono uno di quei dolci di carnevale che ancora non ho mai provato! Forse perchè anche io non amo molto friggere.. ma rimedierò :)

    RispondiElimina
  16. Buoni, mi piacciono un sacco!! ciao!

    RispondiElimina
  17. Davvero perfette e golosissime.Anche se io non amo per niente friggere,ma per ogni tanto qualche strappo ci vuole.
    Un bacione e buona giornata.

    RispondiElimina
  18. Mi fa strano leggere "struffoli" e "Nigella" nella stessa frase, ma in definitiva è questo il senso del libro e i risultati mi sembrano ottimi :o)

    RispondiElimina
  19. tu hai fatto gli struffoli , io gli strufoli umbri, ti sono venuti benissimo , un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  20. che belli e che strano leggere che sono stati fatti da Nigella...una ricetta così italiana e tradizionale fatta da lei, è una cosa molto insolita!
    Tu come al solito li hai realizzati alla perfezione, sono stupendi e perfetti...
    Un abbraccio!
    P.s: mi sa che la Cucina del Corriere non esce più!

    RispondiElimina
  21. Non li ho mai fatti. Certo è un po' strano vedere che la ricetta e della mitica Nigella, comunque sicuramente l'aspetto è delizioso

    RispondiElimina
  22. Ogni volta che passo da te mi pento per non farlo più spesso, per non avere il tempo sufficiente per fermarmi qui con calma, perché i tuoi post e le tue foto sono sempre davvero incantevoli. Mi dimentico anche che il tuo è uno dei miei blog preferiti da sempre.
    Ti abbraccio caramente, Pat

    RispondiElimina
  23. Li adoro... me li preparava sempre mia nonna quando ero bambina, è davvero un dolce ricordo... :-)
    Francesca - http://www.mentaeliquirizia.com/

    RispondiElimina
  24. Che meraviglia, i tuoi struffoli sono veramente perfetti!! :) Se passi da me c'è un premio! Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina