martedì 31 marzo 2015

Pane Senza Impasto di Segale

Qualcuno forse si sarà chiesto che fine ho fatto dopo oltre un mese di assenza, o forse no... fatto sta che non sono ancora sparita del tutto o peggio anche ho smesso di cucinare :-) Anzi. Siamo nuovamente nel periodo casa in caos e quindi... Il pane di oggi, di segale integrale macinata a pietra, è di Jim Lahey e mi piace da impazzire! Così tanto che oramai fare il pane in casa è diventato un piacere: è ottenuto mescolando la farina di segale alla farina di farro - poiché da sola (la segale) non ha il glutine sufficiente per poter lievitare - è saporitissimo e con l'interno di un bel colore scuro!

Pane senza impasto di segale

 Pane Senza Impasto di Segale Ingredienti
200 gr. di farina di farro
200 gr. di farina di segale integrale macinata a pietra
300/330 gr. di acqua tiepida
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaio di malto
5 gr. di lievito di birra fresco
5 gr. di sale

In una ciotola capiente setacciate la farina di farro con la farina di segale integrale, aggiungete il sale e mescolate il tutto. Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida (o a temperatura ambiente) insieme al malto e versatelo sulla farina, unite l'olio, l'acqua rimanente (tiepida o a temperatura ambiante), quindi mescolate con una cucchiaio di legno fino ad amalgamare velocemente gli ingredienti idratando tutta la farina, senza impastare. Coprite la ciotola e fate riposare almeno 12 ore in un luogo lontano da correnti d'aria.

Spolverate abbondantemente con la farina di segale la superficie di un canovaccio pulito e le mani, rovesciate l'impasto lievitato sul canovaccio cercando di sgonfiarlo il meno possibile. Formate un rettangolo ed eseguite due serie di pieghe a portafoglio (tirate il lato sinistro del rettangolo verso l'esterno poi ripiegatelo verso il centro, fate altrettanto con il lato destro in modo da sovrapporlo al primo, quindi ruotate l'impasto di 90° e ripetete le pieghe). Capovolgete l'impasto nel canovaccio infarinato in modo che le pieghe siano rivolte verso il basso, infarinate il pane e coprite. Fate riposare l'impasto per 1 o 2 ore in un posto caldo. L'impasto è pronto quando è raddoppiato di volume.

Scaldate il forno a 220°. Mettete in forno una casseruola in ghisa del diametro di 22 centimetri con il coperchio (senza pomello ma con un pezzetto di stagnola per chiudere il forellino). Quando il forno raggiunge la temperatura, estrarre la casseruola con molta attenzione, è molto calda, rovesciate delicatamente l'impasto lievitato all'interno in maniera che le pieghe siano rivolte verso l'alto, coprite con il coperchio della casseruola e infornate per 30/35 minuti.

Togliete il coperchio dalla casseruola e fate cuocere il pane per altri 15/20 minuti, o finché la superficie è ben dorata. Sfornate con molta attenzione e fate raffreddare completamente su una griglia prima di affettarlo o spezzarlo.

Casseruola in ghisa Le Creuset <3

UN ABBRACCIO!!!

21 commenti:

  1. In realtà oggi me lo stavo proprio chiedendo sfogliando il tuo libro :-) Sono contenta che tu abbia trovato un po' di tempo per passare di qui e già che ci sono rubo un po' di pane per la colazione di domani ;-)
    Un bacio grande e buona notte!

    RispondiElimina
  2. Uh fammi vedere una fetta deve essere uno spettacolo!

    RispondiElimina
  3. Eh, ma non puoi deliziarci con il racconto di queste farine e poi non farci vedere la meraviglia del pane...... :((( Io sono ghiottissima di questi pani speciali..... mi manca la fettina ^_^

    RispondiElimina
  4. MMM CHE PROFUMINO ADORO IL PANE FATTO IN CASA, IL TUO M'INCURIOSISCE MOLTO PER IL MIX DI DUE FARINE CHE AMO MOLTO!!!!BRAVA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  5. Dai.. basta che stai bene!!!!!! intanto ottimo il pane senza impsto.. è pratico ma ottimo.. grazie anche al mix di farine che hai utilizzato! smack

    RispondiElimina
  6. Dev'essere buonissimo questo pane. Domani lo faccio ;-)

    RispondiElimina
  7. Bentornata! E' bello rileggerti!

    RispondiElimina
  8. Se há uma coisa que adoro fazer é pão
    Este ficou lindo e com toda a certeza uma delicia
    bjs

    RispondiElimina
  9. Anche io avrei voluto vedere la fetta, così sarei stramazzata a terra dall'invidia. Fare il pane è una delle cose che mi da più piacere, tutte le volte mi sembra una magia

    RispondiElimina
  10. Splendido pane, complimenti..prima o poi mi armerò anch'io di questa strepitosa pentola ^_*

    RispondiElimina
  11. Sei la regina delle farine! Le mescoli perfettamente, combini l'impasto ideale accontentando un po' tutti. Mi piace molto la farine di segale e mi piace come mi insegni ad utilizzarla in questo pane che mi fa venire voglia di strapparne un angoletto per gustarmelo cosi' come e'! Buona Pasqua amica <3

    RispondiElimina
  12. Oh, il pane di segale! Decisamente uno dei nostri preferiti, con il suo gusto così intenso :-) Poi adoriamo il fatto che sia così idratato: dobbiamo decisamente provarlo, magari con il nostro lievito madre. Un bacio grande, a presto!

    RispondiElimina
  13. bello questo pane , complimenti.
    ti invio un augurio di serenità per la Pasqua
    ciao Reby

    RispondiElimina
  14. ora che mi hanno tolto più o meno tutti i cibi possibili le tue ricette mi saranno ancora più utili di prima :) è sempre di ispirazione passare da te!!!
    un abbraccio e Buona Pasqua

    RispondiElimina
  15. Sei così brava che non mi farei troppi problemi, bisogna anche sapere aspettare in fondo! Complimenti ,questo pane di sicuro è saporito e ricco in profumo! Apresto

    RispondiElimina
  16. Ottimo e delizioso questo pane, mi piace molto con la segale!!!

    RispondiElimina
  17. Usi questo metodo di cottura per tutti i tipi di farina?
    Bentornata:-)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più o meno si, ho usato diverse farine e il risultato è stato sempre positivo. Non so se ne avevi in mente una in particolare, farei comunque attenzione a quelle senza glutine. Grazie, un abbraccio!

      Elimina
  18. Servito in quella pentola viola mi appare ancora più bello e più desiderabile! :-)
    La parola "caos" la conosco bene, mi diverto a cambiare l'ordine delle lettere finali e in un attimo diventa... "caso". E "caso" diventa "casa". E tutto si trasforma, vita, impasti, farine, ricette... noi?!

    RispondiElimina
  19. Torno ragazze, torno presto...spero :-) Grazie per i vostri commenti, un abbraccio!

    RispondiElimina
  20. uno dei prossimi giorni lo faccio ;) baci

    RispondiElimina