lunedì 29 febbraio 2016

Pane di Polenta in Pentola

Da queste parti l'ultima ossessione sembrerebbe essere "fare il pane". Naturalmente le brioches rimangono ancora al primo posto della mia personalissima lista di "ricette preferite del fine settimana". D'altronde sono una fan dei dolci e quindi :-) Tornando seria, nell'impasto di oggi c'è la polenta - così se vi dovesse avanzare potete sempre pensare di riciclarla in questo modo, non male vero? :-) - comunque il bello, riciclo a parte, come ho già spiegato da un'altra parte, è che dopo averlo lasciato lievitare fino a farlo raddoppiare di volume, è sufficiente infornarlo a forno spento, in questo modo la lievitazione continuerà ancora un pò, da quando il forno inizierà a scaldarsi a quando avrà raggiunto la temperatura di cottura del pane.  





 Pane di Polenta in Pentola
Ingredienti per un pane da 22 cm di diametro

350 g di farina 0
150 ml di acqua tiepida
150 g di polenta
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaio di malto
8 g di lievito di birra
5 g di sale

         Setacciate la farina 0, aggiungete il sale e mescolate il tutto. Preparate la polenta seguendo le indicazioni sulla confezione. Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida insieme al malto. Versate il resto dell'acqua in una ciotola capiente, unite 150 grammi di polenta tiepida e scioglietela, unite l'olio, il lievito sciolto, la farina setacciata e cominciate a mescolate con una cucchiaio di legno fino ad amalgamare gli ingredienti, poi impastate per circa 7/8 minuti.
         Coprite la ciotola e fate riposare almeno 2 ore in un luogo lontano da correnti d'aria, finché l'impasto è raddoppiato di volume.
         Rovesciate l'impasto lievitato sul piano di lavoro infarinato, formate un rettangolo ed eseguite due serie di pieghe a portafoglio. Tirate il lato sinistro del rettangolo verso l'esterno poi ripiegatelo verso il centro, fate altrettanto con il lato destro in modo da sovrapporlo al primo, quindi ruotate l'impasto di 90° e ripetete le pieghe.
         Scaldate il forno a 220°. Capovolgete l'impasto nella casseruola di ghisa, chiudete con il coperchio e infornate. Togliete il coperchio dalla casseruola e fate cuocere il pane per altri 20/25 minuti, o finché la superficie è ben dorata. Sfornate con molta attenzione e fate raffreddare completamente su una griglia prima di affettarlo. 

Casseruola Le Creuset <3

UN ABBRACCIO!!!

23 commenti:

  1. che bello,il profumino è arrivato fino a me,fragrante e dorato buono per accompagnare una calda zuppa,grazie

    RispondiElimina
  2. Adoro pão caseiro, este ficou tão lindo e imagino que ma delicia
    Boa semana

    RispondiElimina
  3. Wow, Questo pane é uno spettacolo! Sembra cosi facile da fare...da provare in assoluto! Chissà che profumo deve essere buonissimo! Bravissima!!!
    Un caro abbraccio e felice settimana!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura! Felice settimana a te, un abbraccio

      Elimina
  4. Ti è venuta molto bene, complimenti, una vera bontà per tutti i giorni !

    RispondiElimina
  5. Ho fatto il pane con la farina di mais ma non avrei mai pensato di riciclare la polenta cotta dentro a un pane. Sono davvero curiosa di sentire come viene. Rimane umido?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello vero! Anch'io non l'avrei mai pensato fino a quando non ho provato :-) la polenta va utilizzata ancora tiepida altrimenti fai fatica a scioglierla nell'acqua d'impasto. L'umidità è identica al classico pane. Un abbraccio!

      Elimina
  6. No, vabbè, ma questo è geniale!!!! Con una farina di farro o di orzo, o magari di segale posso provarci anche io ^_^
    Meraviglia delle meraviglie ^_^ Bravissima.

    RispondiElimina
  7. Spettacolare! Che crosta perfetta, complimenti
    :-)

    RispondiElimina
  8. Non posso che amare questa tua nuova inclinazione e grazie x questo golosissimo pane in pentola :-P a me tira molto di più di qualunque dolcetto :-P

    RispondiElimina
  9. finalmente una ricetta per il pane che è un po' più fattibile, e sicuramente è più gustosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi io l'adoro! Da quando faccio così il pane non lo compro quasi più, se non nelle emergenze. Il risultato poi è ottimo. Un abbraccio!

      Elimina
  10. No dico, vogliamo parlare della finezza dell'impronta di farina del canovaccio SPINATO sulla crosta? Superiore... :-*
    Ciao amica, io sono spesso silenziosa ma ci sono eh? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah l'hai notata l'impronta eh :-) Grazie per aver commentato, tu mi "carichi" sarà che sei una forza della natura! Ti abbraccio amica :-)

      Elimina
  11. Io adoro e preparo spessissimo il pane in pentola, ma non avevo mai pensato alla polenta già cotta tra l'altro!!! Da provare!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina