venerdì 24 febbraio 2017

Pane senza Impasto con Lievito Madre

Imparare a fare il pane è un pò come imparare a compiere una piccola magia. E' una cosa che mi piace sul serio e poi bastano davvero pochi ingredienti che insieme danno origine a qualcosa di incredibilmente speciale. Ho iniziato a prepararlo con regolarità da quando ho la pasta madre, un anno e mezzo fa se non ricordo male, all'inizio il rapporto è stato un bel pò conflittuale, adesso è migliorato incredibilmente :-) Rinfresco il sabato mattina e impasto nel tardo pomeriggio, mentre la domenica inforno. Scelgo soprattutto farine macinate a pietra, biologiche se possibile e integrali, il sapore e il profumo sono meravigliosi! Il pane di questa ricetta è davvero molto semplice, del tipo zero olio di gomito - è una versione del No-knead Bread di Jim Lahey -.





 Pane senza Impasto con Lievito Madre Ingredienti

380 g di farina tipo 2
150 g di farina integrale
350 ml di acqua tiepida
50 g di lievito madre (100% di idratazione)
10 g di sale
1 cucchiaio di malto d'orzo integrale

         Mescolate in una ciotola capiente le farine, entrambe setacciate, con il sale. Sciogliete il lievito nell'acqua tiepida insieme al malto e versatelo sulle farine, amalgamare gli ingredienti senza impastare. Coprite e fate riposare 12 ore in un luogo lontano da correnti d'aria.
         Spolverate abbondantemente la spianatoia e le mani, rovesciate l'impasto lievitato sul canovaccio cercando di sgonfiarlo il meno possibile. Formate un rettangolo ed eseguite due serie di pieghe del primo tipo: tirate il lato sinistro del rettangolo verso l'esterno poi ripiegatelo verso il centro, fate altrettanto con il lato destro in modo da sovrapporlo al primo, quindi ruotate l'impasto di 90° e ripetete l'operazione. Sistemate l'impasto in un cestino per il pane rivestito con un canovaccio infarinato in modo che le pieghe siano rivolte verso il basso, infarinate la superficie e coprite. Fate riposare l'impasto per 2/3 ore (l'impasto è pronto quando è raddoppiato di volume).
         Scaldate il forno a 220°. Mettete in forno una casseruola in ghisa del diametro di 22 cm con il coperchio (senza pomello ma con un pezzetto di stagnola per chiudere il forellino). Quando il forno raggiunge la temperatura, estrarre la casseruola con molta attenzione (è rovente), rovesciate l'impasto lievitato all'interno in maniera che le pieghe siano rivolte verso l'alto, coprite con il coperchio della casseruola e infornate per 30/35 minuti. Togliete il coperchio e proseguite la cottura per altri 15/20 minuti, o finché la superficie è dorata. Sfornate con molta attenzione e fate raffreddare completamente su una griglia prima di affettarlo. 


Casseruola ghisa LeCreuset <3

UN ABBRACCIO!!!

12 commenti:

  1. Ti è venuto benissimo.
    Adoro il lievito madre.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Il pane senza impasto è stato il mio primo tentativo di panificazione e da allora me ne sono innamorata. semplice da fare a da sempre una gran soddisfazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem! Zero sforzo e massimo risultato, fantastico. Un abbraccio grande

      Elimina
  3. Meraviglioso, assolutamente meraviglioso!!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely! Un abbraccio e buon fine settimana

      Elimina
  4. Non ho mai provato quest'impasto e nemmeno la cottura in pentola...devo assolutamente rimediare :-)
    Son d'accordo con te, panificare è MAGIA ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tecnica è facilissima, prova e te ne innamorerai! Un abbraccio

      Elimina
  5. Adoro anche io fare il pane.. anche se ultimamente ho poco tempo.. Che bello il tuo... con cottura nella pentola devo provare..baci e buona domenica!!! :-D

    RispondiElimina
  6. bellissimo questo pane, Marianna <3 la cottura in pentola, da un paio di mesi a questa parte, è diventata anche la nostra preferita...la crosta che si crea è spettacolare, non trovi? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è spettacolare! Ho iniziato ad utilizzare anche la pietra refrataria e sapete... il risultato è piuttosto simile. Fare il pane provando e riprovando impasti o tecniche di cottura non stanca mai! Un abbraccio carissime

      Elimina