giovedì 31 agosto 2017

Ritorno alle Vecchie Abitudini

Anche quest'anno Agosto è stato un mese piuttosto pesante, per diversi impegni che avevo messo in programma già da un pò e per dei piccoli imprevisti dei quali è meglio sorvolare, credetemi:-) Perciò torno non esattamente in gran forma, o come in realtà avrei voluto, ovvero piena di energia, riposata, con idee brillanti o ingredienti "speciali" da raccontare. Il caldo eccessivo, spesso al limite del vivibile, insieme a pasti fatti in maniera un pò disordinata, hum... :-), non hanno di sicuro aiutato e mi hanno lasciato una certa stanchezza addosso che, tra l'altro, sto iniziando a sentire solo ora... e insomma, oggi va così, con una ricetta "base", un pane di farina semintegrale di tipo 2 a lievitazione naturale, che avete già visto, e che forse avrete già cucinato, per tornare lentamente alle vecchie abitudini... a quelle sane, anzi, non sane, di più!   


 Pane a Lievitazione Naturale Ingredienti

400 g di farina semintegrale tipo 2 macinata a pietra
230 ml di acqua tiepida, più 20 ml
150 g di pasta madre (100% di idratazione)
8 g di sale
1 cucchiaio di malto d'orzo integrale


         Sciogliete la pasta madre nell'acqua tiepida insieme al malto, poi versate gradualmente sulla farina setacciata e amalgamate gli ingredienti con una spatola di legno. Coprite e fate riposare un'ora in un luogo lontano da correnti d'aria.

         Unite il sale emulsionato in 20 ml di acqua tiepida, impastate tirando e premendo la pasta finché l'impasto è liscio ed elastico. Formate un panetto, coprite e lasciate riposare per 30 minuti nella ciotola.

         Rovesciate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e piegatelo a portafoglio. Sistemate l'impasto ancora nella ciotola, con il lato della chiusura rivolto verso il basso, coprite e fate riposare sempre in un posto caldo e lontano da correnti d'aria per 30 minuti. Replicate le pieghe a distanza di altri 30 minuti per altre due volte. Date una forma rotonda all’impasto e sistematelo nel cestino per la lievitazione spolverato di farina in modo che il lato della chiusura sia rivolto verso l'alto, poi coprite. e lasciate lievitare finché è raddoppiato di volume.
         Accendete il forno a 220°C. Inserite all’interno una pentola di ghisa con il coperchio del diametro di 22 cm. Quando il forno ha raggiunto la temperatura e la pentola diventata molto rovente, capovolgete l’impasto all'interno, incidete la superficie con un taglio e infornate per 45/50 minuti abbassando la temperatura a 200°C dopo 30 minuti togliendo il coperchio dalla pentola. Sfornate quando il pane suona a vuoto picchiettandolo con le nocche sul fondo, poi fate raffreddare completamente su una griglia prima di affettarlo. 


Casseruola ghisa Le Creuset <3

UN ABBRACCIO!!!

12 commenti:

  1. Adoro fazer pão, esse ficou fantástico.
    Provaria com muito prazer.

    RispondiElimina
  2. Io ho smesso di fare programmi a lungo termine...tanto succede sempre qualcosa che poi me li va a cambiare!!!!
    Mentre per questo pane nel tegame non ci sono parole, perchè trova sempre posto!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quant'è vero Mila! Grazie, un abbraccio!

      Elimina
  3. E invece tornare alle vecchie abitudini (culinarie e non) è proprio quello di cui ho bisogno! ;-) È una meraviglia questa pagnotta, un bacio :-*

    RispondiElimina
  4. Io sono a favore di queste ricette, di quelle "base", come dici te, ma che non sono poi così scontate. Amante come sono della semplicità, sincera e spudoratamente vera, apprezzo tantissimo questo pane che rifarò certamente il prossimo fine settimana, giusto al prossimo rinfresco.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh Francesca che bello sentirti qui, grazie!

      Elimina
  5. Bentornata e con questo pane mi stendi! Sei fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consuelo! Un abbraccio grande!

      Elimina