domenica 31 gennaio 2016

Brioches con Gocce di Cioccolato e... Grazie!

Come al solito, questo cosa di restare lontano da qui non mi piace proprio per niente, ecco l'ho detto. Sta di fatto che l'anno è iniziato in maniera alquanto strana (per lavoro, impegni, salute, praticamente per tutto :-)) così tornare a scrivere, facendo finta che l'ultimo post l'abbia scritto soltanto ieri, è una cosa che non mi riesce bene... Vabbé, dunque, i fine settimana li dedico ai lievitati, alle brioches esattamente, perciò quelle di oggi fanno parte di una lunghissima lista di ricette che prima o poi mi piacerebbe condividere con voi. In sostanza sono fatte con lievito madre, gocce di cioccolato e olio al posto del burro. Confesso che fino a quando non ho provato sono stata scettica nell'usare l'olio, beh, invece devo dirvi che ha il suo perché, quindi sostituzione consigliatissima :-)







Prima di augurarvi una buona domenica, volevo dirvi GRAZIE di CUORE per aver mandato in ristampa "Di farina in farina" a poco più di un anno dalla pubblicazione...  
GRAZIE 







Bioches con Gocce di Cioccolato

Ingredienti per 12 brioches

400 g di farina di farro
120 g di pasta madre di farro
60 g di zucchero scuro
50 g di olio di girasole
1 uovo intero biologico
1 albume
200/220 ml di latte tiepido
100 g di gocce di cioccolato
1 limone non trattato
8 gr. di sale

1 tuorlo sbattuto con 1 cucchiaio di latte per spennellare

         Nella ciotola dell'impastatrice, sciogliete la pasta madre (rinfrescata due volte a temperatura ambiente) nel latte tiepido, poi unite circa 300 grammi di farina di farro setacciata. Azionate a bassa velocità l'impastatrice e aggiungete l'uovo, lo zucchero, l'albume e qualche cucchiaio di farina. Aumentate la velocità e lasciatela lavorare finché l'impasto è ben legato. Aggiungete il sale, l'olio a filo, la buccia del limone grattugiata e la farina rimanente. Continuate a lavorare l'impasto fino a quando non diventa lucido ed elastico e si staccherà dalla parete della ciotola.
         Rovesciate l'impasto sulla spianatoia infarinata e formate un panetto. Rimettete l’impasto nella ciotola spennellata con un pò d'olio e sigillate i bordi con la pellicola trasparente. Fate lievitare fino a farlo raddoppiare di volume in un luogo caldo e lontano da correnti d'aria.
         Trasferite l'impasto lievitato sulla spianatoia o su un foglio di carta da forno leggermente infarinato, sgonfiatelo leggermente e dividetelo in 12 parti uguali.     Arrotolate ciascuna parte prima in un senso e poi nell'altro, infine formate la brioche rotonda. Distribuite i pannetti nella pirofila distanziandoli di alcuni centimetri tra loro. Coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio di volume.
         Scaldate il forno a 180°. Spruzzate un pò d'acqua nel forno per creare vapore. Spennellate molto delicatamente la superficie con il tuorlo d'uovo, sbattuto con un cucchiaio di latte. Quando il forno ha raggiunto la temperatura, togliete il pentolino con l’acqua, e infornate per circa 30/35 minuti. Sfornate e fate raffreddare leggermente su una griglia prima di servire.

Pirofila Le Creuset <3

UN ABBRACCIO!!!

15 commenti:

  1. Importante che siano più leggere e di conseguenza salutare, ma lo so che anche come consistenza e gusto sono buone per ché avevo preparato anche io dei cornetti. Le tue brioche hanno un aspetto favoloso ! Buona domenica !

    RispondiElimina
  2. Lievito madre, olio evo, farina di farro... Oltre che buona anche sana... Evviva questa ricetta...

    RispondiElimina
  3. CHE MERAVIGLIA, CHISSA' CHE BUONE COSI' LEGGERE!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  4. belle e buoneee bravissima...passa a trovarmi se ti va a presto

    RispondiElimina
  5. le tue proposte di lievitati sono sempre originali e mettono l'acquolina in bocca. Mi piace venire a sbiriciare appena pubblichi...e se gli impegni ti tengono distante, poi torno qui con ancor più voglia. :-)
    e complimenti per il successo del libro!!!

    RispondiElimina
  6. con orgoglio posso dire di essere riuscita ad accaparrare la prima copia del tuo libro disponibile alla feltrinelli di Palermo. è uno dei miei volumi preferiti e ha un posto d'onore nella mia ormai troppo vasta biblioteca culinaria... e queste brioches? con la farina di farro che tanto amo e le gocce di cioccolato? sono la fine del mondo!

    RispondiElimina
  7. Ho preparato delle brioche all'olio anche io, tempo fa, e me ne sono innamorata, soprattutto del profumo, che se l'olio è buono, viene fuori e invade casa e cuore. E del libro dico solo che, da quando l'ho preso, è diventato una specie di copertina di Linus a cui ricorrere ogni volta che ho voglia di coccolarmi o anche solo di vedere delle belle foto :) (e poi mi sono ricordata, venendo a trovarti, che io qui ci venivo spesso appena aprii il blog :)

    RispondiElimina
  8. I tuoi lievitati mi lasciano sempre incantata. Quella pallina sembra soffice come una nuvola.

    RispondiElimina
  9. Guardando queste brioches mi è venuta in mente la pubblicità del bimbo che grida a Babbo Natale, "Buttati che è morbido!", sembrano dei cuscinetti, deliziose ! Un bacione

    RispondiElimina
  10. Tanto invitanti e stragolose queste brioche, ottime con la pasta madre!!!!

    RispondiElimina
  11. E' sempre un vero piacere rileggerti :-) e spero di poterlo fare di nuovo presto ^_*
    Intanto mi godo queste brioches senza burro con l'illusione di avere anche meno sensi di colpa al bis :-P
    In bocca al lupo x tutto :-)

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia le tue brioches mi hanno già conquistata, segno subito la ricetta. Un abbraccio, buona giornata, Daniela.

    RispondiElimina
  13. Io invece mi riprometto di fare ogni fine settimana un lievitato, ma poi tra i mille impegni che ammasso nel weekend non riesco mai a organizzarmi con i tempi.
    La tua brioche con le gocce di cioccolato è fantastica. La metto sicuro nella lista dei To-Do.

    RispondiElimina
  14. un magnifico risultato una grande ricetta

    RispondiElimina
  15. Ciao, complimenti per la bella ricetta, volevo chiederti, visto che nel procedimento non lo specifichi, a che punto inserire le gocce di cioccolato. Io ho una pasta madre di farina 2, pensi che potrei usarla ugualmente con la farina di farro? Grazie :-)

    RispondiElimina